,,
Virgilio Sport SPORT

Messi-Barcellona, parla la Pulce: colpo di scena nella trattativa

Il sei volte Pallone d'Oro, attraverso un comunicato del papà-agente Jorge, conferma di volersi svincolare dal club.

Finalmente Lionel Messi si è espresso. Lo ha fatto attraverso un comunicato a firma del papà-agente Jorge, attraverso il quale ha chiarito la sua posizione contraria nei confronti del club e della Liga, che ritengono scaduta il 30 giugno la possibilità di uscire dal contratto escludendo il pagamento della clausola rescissoria di 700 milioni di euro. Insomma, Messi non si sente più vincolato al Barcellona e vuole uscire dal contratto senza alcuna ‘penale’.

Questo la nota firmata dal papà della Pulce: “Jorge Horacio Messi, rappresentante del giocatore Lionel Messi, in risposta alla nota informativa pubblicata il 30 agosto 2020 dalla Liga, manifesta che: 1) Non sappiamo quale contratto abbiano analizzato e quali siano le basi sulle quali concludano che il suddetto avrebbe una ‘clausola di rescissione’ applicabile nel caso in cui il giocatore dovesse decidere di esercitare la clausola unilaterale per liberarsi, con effetto a partire dal termine della stagione 2019/2020“.

“2) Ciò è dovuto a un evidente errore della Liga – continua Messi senior -. Così come indica letteralmente la clausola 8.2.3.6 del contratto firmato dal giocatore col club: ‘questo indennizzo non si applicherà qualora la risoluzione del contratto per decisione unilaterale del giocatore abbia effetto a partire dal termine della stagione 2019/2020′”.

“E’ ovvio quindi che la clausola di risoluzione da 700 milioni di euro non sia assolutamente applicabile” scrive Jorge Messi, in rappresentanza del figlio, in coda al comunicato: una vera e propria doccia gelata per il Barça e per i suoi sostenitori, che ancora speravano che il loro simbolo decidesse di restare in Catalogna.

La Liga, pochi minuti dopo la pubblicazione del comunicato, ha risposto in maniera categorica attraverso una nota ufficiale: “La clausola da 700 milioni esiste ed è assolutamente valida, la loro interpretazione del contratto è decontestualizzata e lontana dalla letteralità dello stesso”.

Nel frattempo Josep Bartomeu, il presidente del Barcellona, dovrà studiare una contromossa se vorrà mantenere il campione argentino in blaugrana. Non è da sottovalutare, in questo senso, un importante aspetto derivato dalla pubblicazione del comunicato di Jorge Messi: il figlio si considera già fuori dal contratto con il Barça, dettaglio che esclude una permanenza di un’altra stagione prima del definitivo addio alla scadenza naturale dell’accordo.

Quel che è certo è che la battaglia tra le due parti andrà avanti, anche se resta da capire la posizione del giocatore non solo sulla volontà di lasciare il club, ormai chiara, ma anche sulle intenzioni future. Manchester City, Psg e Inter restano alla finestra in attesa di sviluppi.

OMNISPORT | 04-09-2020 10:23

Tags:

Leggi anche:

,,,,,,,,,,,,,,,,
Caricamento contenuti...