,,
Virgilio Sport SPORT

Milan, che fatica senza Ibrahimovic: Bodo battuto col brivido

A San Siro i rossoneri superano 3-2 i norvegesi del Glimt con tanta sofferenza nel finale: Calhanoglu protagonista, ora il Rio Ave.

Terza vittoria su tre partite ufficiali della stagione per il Milan, che però soffre più del previsto per eliminare il Bodo Glimt nel terzo turno preliminare di Europa League. Il 3-2 finale è comunque prezioso perché permette alla squadra di Pioli di avanzare fino all’ultimo atto prima della fase a gironi, lo spareggio contro il Rio Ave: i portoghesi hanno eliminato a sorpresa ai rigori il Besiktas dopo l’1-1 di tempi regolamentari e supplementari. Pur senza sottovalutare l’avversario si tratta di una buona notizia per il Milan, che dovrà giocare la gara secca in programma il 1° ottobre in trasferta.

Sul risultato di misura e sulla serata sofferta vissuta dai rossoneri ha pesato la giornata difficile, scandita dalla positività al Coronavirus di Zlatan Ibrahimovic, che con ogni probabilità non sarà disponibile neppure tra una settimana. L’assenza dello svedese si è ovviamente fatta sentire sul piano tecnico e della personalità, ma Pioli ha comunque trovato buone risposte dal giovanissimo sostituto di Zlatan, il classe 2002 Lorenzo Colombo, e prestazioni di Theo Hernandez e di Hakan Calhanoglu, quest’ultimo trascinatore nel momento più difficile della serata, dopo il vantaggio del Bodo firmato al 16’ Junker, abile a bruciare un incerto Gabbia nel cuore dell’area rossonera.

Una prodezza dalla distanza del turco ha ristabilito la parità già al 18’ e da quel momento il Milan ha preso d’assalto la porta dei norvegesi, sfiorando ripetutamente il vantaggio con occasioni per lo stesso Calhanoglu, per Bennacer e per Colombo, autore poi della rete del sorpasso con un tocco facile facile per concludere un’azione spettacolare avvita da Saelemaekers, proseguita da Hernandez e rifinita da un colpo di tacco del solito Calhanoglu. Il turco ha fatto tris da angolo di Castillejo ad inizio ripresa, ma il Bodo non si arrende e torna subito in partita con Hauge.

Pioli manda in campo Daniel Maldini per Colombo e il figlio d’arte va in gol dopo pochi minuti, rete però annullata per fuorigioco. Anche Gabbia sfiora la rete di testa (salvataggio sulla linea), ma qui il Milan ha commesso l’errore di tirare troppo presto i remi in barca, “regalandosi” così un’inattesa mezzora di sofferenza: Zinckernagel e Solbakken fanno tremare Donnarumma, miracoloso poi su Saltnes. Gara in equilibrio fino alla fine, ma il risultato non cambia e la prima senza Zlatan diventa una dolce sofferenza.
 

OMNISPORT | 24-09-2020 22:31

Tags:

Leggi anche:

,,,,,,,,,,,,,,,,
Caricamento contenuti...