Virgilio Sport

Milan, partita stregata: furia rossonera sui social

La squadra di Pioli riacciuffa solo allo scadere in pari sul campo della Spal

01-07-2020 23:54

Milan, partita stregata: furia rossonera sui social Fonte: Ansa

Gara stregata per il Milan che vede rallentare la sua corsa all’Europa pareggiando per 2-2 sul campo della Spal. La squadra di Pioli va sotto 2-0, ma nella ripresa riesce a rimontare grazie alle reti di Leao e a un autogol di Vicari. Ma non mancano le proteste dei tifosi.

Furia rossonera sui social

I tifosi del Milan sono scatenati sui social sia nel corso del match che nel dopo partita. Il pareggio non è un risultato che soddisfa e si va a caccia dei colpevoli, a cominciare dall’arbitro: “Fischia 10 secondi prima per non dare regolare al Milan”, dice un tifoso. Ma c’è anche chi se la prende con la sfortuna di una sera no: “Possiamo anche prenderla con le mani, ma non riusciremo a buttarla dentro”, e ancora “Poterva durare altri 120 minuti ma non l’avremmo vinta”.

Ibra: il più invocato

Sui social si gioca una partita a parte. Quella su Ibra che in panchina prima e in campo poi catalizza l’attenzione dei tifosi. E diventa da “meme” il volto a dir poco infastidito dello svedese mentre siede in panchina: “La faccia di Ibra dice tutto”. E c’è chi fa notare: “Incredibile il divario tecnico tra Ibra e tutti gli altri”.  Il mancato ingresso in campo dello svedese fino a metà della ripresa genera più di una protesta nei confronti di Pioli.   

Il gol di Floccari

La seconda rete della Spal è di quelle da ricordare e che manda in subbuglio i social. “L’ultima volta che ho controllato Quagliarella giocava nella Samp”, scrive un utente commentando l’eurogol dell’attaccante. Ma al pari del gol dell’attaccante, sui social finisce anche la veronica di Paquetà che divide i tifosi. Da una parte quelli che lo vorrebbero vedere di più in campo, dall’altra quelli come lo bollano al pari di un giocoliere.

Preoccupazione per il futuro

Ma a partita ancorai in corso i tifosi rossoneri pensano anche al futuro che riserva un calendario piuttosto impegnativo: “Nelle prossime tre abbiamo Lazio, Juve e Napoli. E’ il momento di svegliarsi”, avverte Francesco. Ora i rossoneri dovranno sbagliare pochissimo se non voglio mettere a repentaglio la qualificazione in Europa.

Tags:

Leggi anche:

Caricamento contenuti...