Virgilio Sport

Milan, Rangnick torna sul mancato arrivo: nuova frecciata a Ibra

Il manager tedesco parla del suo passaggio sfumato al Milan e lancia un'altra provocazione nei confronti dello svedese.

30-08-2020 09:12

Sfumato all’ultimo secondo, il matrimonio sportivo tra Ralf Rangnick e il Milan continua a far discutere, soprattutto per gli interventi, sporadici ma mai banali, del tedesco. Dopo l’ intervista al veleno di una decina di giorni fa a ‘La Gazzetta dello Sport’, l’ex tecnico del Lipsia , intervistato dal ‘Corriere della Sera’, ha utilizzato toni più accomodanti , ma non ha risparmiato una frecciata sulla questione legata al rinnovo di Ibrahimovic .

Di fatto, Rangnick ha confermato che il bomber svedese, nel suo Milan, non avrebbe trovato spazio : “Ammiro la forma fisica di Ibrahimovic a 38 anni , ma il mio compito è creare valore, non comprarlo – ha detto -. I calciatori vanno cercati quando non li conosce quasi nessuno. Alla Red Bull abbiamo lavorato di continuo sugli scout. Può capitare che un procuratore mi proponga un giocatore, ma se è bravo davvero dobbiamo già conoscerlo noi”.

Per il manager nato a Backnang 62 anni fa, però, non è stato il rinnovo di Ibrahimovic a spezzare prima del nascere un matrimonio che sembrava destinato a iniziare questa estate. “Come mai il Milan ha cambiato idea? Una risposta semplice può essere: c’è stato il Covid – ha dichiarato -. Ero stato contattato dal Milan a ottobre, quando erano a tre punti dalla zona retrocessione . Mi ha colpito la conoscenza che avevano nel mio lavoro passato”.

“Poi Pioli ne ha vinte 9 e pareggiate 3, i discorsi si sono chiusi. Eravamo d’accordo che cambiare nell’immediato non sarebbe stato saggio. Sul medio-lungo termine non so” ha poi aggiunto il tecnico, consapevole di non poter dare altre spiegazioni.

Rangnick, però, non ha parlato soltanto di Milan. Il suo modello di gestione di un club dal punto di vista sportivo, che ha permesso al Lipsia di fare il salto di qualità in Germania, secondo la sua opinione può funzionare in qualunque realtà della Serie A , vista la struttura del campionato italiano che definisce paragonabile a quello tedesco.

Bundesliga e Serie A sono simili – ha spiegato Rangnick -, Bayern e Juve dominano da anni e ci sono un gruppo di squadre che provano a costruire un’alternativa. Servono una visione d’insieme e un piano preciso”.

CALCIOMERCATO, LE TRATTATIVE DEL MILAN E DELLE ALTRE BIG – LA GALLERY

Milan, Rangnick torna sul mancato arrivo: nuova frecciata a Ibra Fonte: Getty Images

Tags:

Leggi anche:

Caricamento contenuti...