Virgilio Sport

Napoli, Alvino tuona: Ora basta, dovete parlare

La polemica sui social non si placa dopo gli ultimi episodi

12-02-2020 09:44

Napoli, Alvino tuona: Ora basta, dovete parlare Fonte: Twitter

Che il Giudice Sportivo non avesse scelta e fosse costretto a comminare la multa di 2000 euro a Milik interessa a pochi: quel che non passa in casa Napoli è quel senso di frustrazione per un errore arbitrale evidente che rischia di costare carissimo al club. In realtà il Giudice non ha fatto altro che prendere i provvedimenti che imponeva il referto dell’arbitro Giua, per cui è l’ultimo dei colpevoli ma è chiaro che il tutto suona come il danno oltre la beffa.

L’APPELLO – Chi non ci sta è Carlo Alvino. Il direttore di TvLuna non vuole che tutto vada a finire nel dimenticatoio e tiene alta la guardia, facendo un appello su twitter.

IL TWEET – Alvino scrive: “Sono passati due giorni dall’orrore, sì orrore, di Giua e Nicchi e Rizzoli sono ancora in silenzio. Parlate vi prego per il bene del calcio! #nicchierizzoliparlate”.

LE REAZIONI – I tifosi, indignati, replicano: “15 rigori negati valgono più di mille parole” o anche: “Nicchiano…”, oppure: “Hanno parlato: multa a Milik per simulazione…”.

IL SILENZIO – C’è chi scrive: “Il silenzio è quello del Napoli che ancora partecipa a questa farsa di Serie A,ha fatto mezza sparata contro l’Atalanta il caro ADL e poi in tutta onestà gli hanno detto di chiudersi in qualche gabinetto e lui da buon complice lo ha fatto. Tu vuoi sentire loro? manco ci calcolano”.

LA SCUSA – Fioccano le reazioni: “Purtroppo è una battaglia persa. Parlano solo quando gli fa comodo,con modi e sostanza che fanno rabbrividire” o anche: “Non parleranno fin quando non troveranno una scusa o un appiglio per giustificare l’ingiustificabile, potrebbero anche continuare a restare zitti, basterebbe che l’arbitro Giua non arbitrasse più, perché è palese che non è adatto”.

LA VERGOGNA – Infine la chiosa: “È imbarazzante anche per loro ? In un paese normale ci sarebbero delle indagini . Che schifo . Non se ne può più . Questi non si vergognano di niente”.

Tags:

Leggi anche:

Caricamento contenuti...