SPORT
  1. Home
  2. STORIE

Napoli si ribella dopo offese ad Alex, il bimbo sovrappeso

Tanti messaggi di solidarietà e una sorpresa: il club lo ha invitato di nuovo, il San Paolo gli farà festa

Quel sorriso incantevole che aveva domenica scorsa al San Paolo, quando aveva coronato il sogno di tutti i bambini, quello di scendere in campo ad accompagnare i giocatori prima del fischio d’inizio, non è stato cancellato. Ma le offese e le ironie via web che lo hanno colpito non si possono mandar via con un colpo di spugna. Alex il 12enne sovappeso a causa di una patologia che sta curando, era diventato in questi giorni un bersaglio degli stupidi, quelli che Mentana definirebbe “webeti”: la sua stazza fuori dal comune aveva indotto le menti più stolte a partire commenti cattivi e perfidie ingiustificabili. Che oggi si identificano col termine cyberbullismo. Le foto di Alex hanno fatto il giro del web ma ad ogni insulto si leggevano fortunatamente anche tanti messaggi di solidarietà. Alex usa i social e ha visto tutto. Il bambino ha gradito l’indignazione del popolo del web ma non è rimasto insensibile a quelle offese gratuite. Il Napoli già si è detto pronto a fare la sua parte, da subito, magari da domenica prossima con la Roma quando è molto probabile che ad accompagnare gli azzurri in campo ci sia anche il piccolo Alex.

LA RISPOSTA DELLO STADIO – E chissà che non possa ricevere la risposta più bella proprio dai tifosi sugli spalti, un applauso lungo e un coro in suo favore. Per fargli capire che se è vero che esistono tanti imbecillli, le persone normali sono di più. E finiscono per vincere. Sempre via social la madre del bimbo aveva reagito in più riprese in questi giorni: Nonostante tutti i post brutti e inappropriati che stiamo vedendo voglio solo dirvi che a noi non interessa e prima di giudicare le persone in qualsiasi modo lo facciate guardatevi voi e fatevi un esame di coscienza non parlate senza sapere .!non siete superiori a nessuno tanto meno ad un bambino..!! Falliti Tu sei il nostro campione”. E ancora “Ale ringrazia Dio di essere così perché se non avrebbe avuto un peso di un adulto questa terapia sperimentale non L avrebbe mai fatta che ne sanno . Ma la cosa certa è che sono stati segnalati uno ad uno e pagheranno mio figlio riderà mangiandosi i loro soldi”.

IL MESSAGGIO DELLA MADRE – Infine un videomessaggio a ‘CronachediNapoli.it’ per rispondere a tono: “Trovo inaudito offendere i bambini, soltanto perché sono in sovrappeso. Non è bello prenderli in giro soprattutto mentre realizzano i propri sogni. I giocatori del Napoli si sono scusati a nome di chi ha osato usare parole poco carine nei confronti di Alex. A tutti do una bella notizia. Mio figlio accompagnerà di nuovo i giocatori del Napoli all’ingresso in campo al San Paolo”.

SPORTEVAI | 13-10-2018 14:42

Napoli si ribella dopo offese ad Alex, il bimbo sovrappeso Fonte: Getty Images

SPORT TREND