,,
Virgilio Sport SPORT

Parata surreale, Szczesny respinge l’attacco di Perin

Il capolavoro del portiere polacco della Juventus contro il Valencia rafforza la gerarchia tra i pali bianconeri.

Con uno Szczesny così Perin rischia di aspettare molto prima di prendersi la porta della Juventus. Sì, perché il portiere polacco ha dimostrato una volta di più il proprio valore in una delle notti più importanti nella prima parte di stagione della Juventus, che contro il Valencia non poteva bissare l’harakiri contro il Manchester United, costato la prima e finora unica sconfitta della stagione e il rinvio della certezza della qualificazione agli ottavi di Champions League. Se non una notte da dentro o fuori, quella contro gli spagnoli era una partita in cui mostrare che la squadra avesse fatto quel salto di qualità a livello di mentalità in campo internazionale che permette di vincere partite alla portata sul piano tecnico, ma rese sempre pericolose dalla diversità di atteggiamento delle avversarie internazionali, molto meno rinunciatarie per non dire rassegnate rispetto a quelle che sfidano i pluri campioni d’Italia in Serie A.

Ebbene, oltre all’accoppiata Ronaldo-Mandzukic, ormai uomini copertina della macchina perfetta di Allegri, con Joao Cancelo a ruota, un posto in prima pagina se l’è preso proprio Szczesny, autore di una parata da leggenda al 45’ del primo tempo su colpo di testa di Diakhaby. Il difensore francese del Lione, che aveva già colpito un’italiana, la Roma, due stagioni fa in Europa League, aveva girato di testa a colpo sicuro da calcio d’angolo, ma il portiere polacco ha compiuto un vero e proprio miracolo smanacciando il pallone sulla linea: una parata capolavoro per riflessi, qualità tecniche e posizionamento, eppure compiuta quasi con naturalezza, come nello stile essenziale e privo di spettacolarità che ha sempre caratterizzato Szczesny.

L’ex romanista, protagonista anche all’andata con un rigore parato a Parejo nei minuti finali della gara vinta 2-0 dalla Juventus nonostante un’ora di inferiorità numerica per l’espulsione di Cristiano Ronaldo, ha così bissato un altro intervento decisivo compiuto in bianconero, quello sul romanista Schick nei minuti finali della gara interna di campionato della scorsa stagione, rintuzzando anche il, teorico, attacco di Mattia Perin. La situazione dell'ex genoano, in campo appena due volte in stagione, contro Bologna e Spal, e di fatto sempre inoperoso, non sembra poter cambiare a breve. Con un rivale così competitivo l’unica speranza è riposta nel prossimo mercato estivo e in un’eventuale offerta irrinunciabile che può arrivare a Torino per Szczesny.

SPORTAL.IT | 28-11-2018 12:05

Tags:

Leggi anche:

,,,,,,,,,,,,,,,,
Caricamento contenuti...