Virgilio Sport

Pioli chiede un ultimo sforzo al Milan: "Rebic e Tonali stanno bene"

Il tecnico del Milan, Stefano Pioli, presenta la sfida di campionato contro la Lazio: "E' una partita che vale tanto per noi, stiamo bene".

22-12-2020 16:01

Pioli chiede un ultimo sforzo al Milan: "Rebic e Tonali stanno bene" Fonte: Getty Images

Il Milan chiude a San Siro quello che è stato un 2020 da sogno. La compagine rossonera infatti, si concederà da un anno che l’ha visto protagonista assoluto, ospitando la Lazio per un match valido per il quattordicesimo turno del campionato di Serie A.

I meneghini, che puntano a tornare in campo nel 2021 da primi in classifica, saranno chiamati ad affrontare un avversario che nella sua ultima uscita è tornato alla vittoria superando 2-0 il Napoli.

Stefano Pioli, parlando nella conferenza stampa della vigilia, ha parlato dell’aria che si sta vivendo nell’ambiente rossonero. “Purtroppo in questo momento i tifosi non ci sono, ma li sentiamo. Viviamo la città e avvertiamo il loro affetto e la loro passione. Il loro apporto in campo ci sta mancando, ma ci trasmettono carica e noi stiamo lavorando in un certo modo per provare a dare loro delle soddisfazioni”.

Il Milan è reduce dalla pesante vittoria ottenuta su un campo difficile come quello del Sassuolo. “Siamo stati bravissimi ad indirizzare bene la partita. Prima abbiamo analizzato i due precedenti pareggi nei quali abbiamo mostrato meno aggressività, meno attenzione in fase difensiva e meno intensità. Il goal iniziale ci ha permesso di difenderci bene sotto palla. Domani affronteremo un avversario dal potenziale offensivo importante che è reduce dalla vittoria con il Napoli. Sarà una partita che vale tanto e servirà un ultimo sforzo per chiudere questo anno nel migliore dei modi. Avremo delle assenza, ma stiamo bene”.

Solo un anno fa sarebbe stato difficile immaginare un Milan a questi livelli. “Siamo tutti molto orgogliosi di quanto stiamo facendo. Alle nostre spalle c’è una società che ci sta mettendo nelle condizioni di lavorare al meglio. Sono orgoglioso di far parte di questo club e di allenare questo gruppo di giocatori, ma adesso dobbiamo restare concentrati per la sfida con la Lazio perché sarà molto importante”.

Juventus ed Inter potrebbero essere le due rivali più pericolose nella corsa al titolo. “Noi dobbiamo sempre dare il massimo, senza pensare alla classifica. Vedremo cosa succederà, ma comunque dobbiamo continuare a crescere. Domani giocheremo una gara importante, dovremo solo pensare a fare il nostro meglio. Juventus ed Inter hanno le loro qualità, ma noi abbiamo le nostre e stiamo cercando di svilupparle al meglio. Abbiamo dei margini di miglioramento, dobbiamo solo guardare in casa nostra e fare il nostro lavoro. Le altre due sono favorite, noi dobbiamo solo pensare a fare del nostro meglio fino alla fine”.

Il tecnico rossonero non si è sbilanciato sull’undici che manderà in campo. “Tonali e Rebic? Io sono abituato a dare la formazione al mattino e questa volta a maggior ragione sarà così. Sappiamo di avere qualche giocatore acciaccato, loro stanno abbastanza bene, ma vedremo domattina. Coperta corta? No. Le ultime partite mi hanno dato una condizione: la società ci ha messo a disposizione una rosa giovane ma forte. Chiunque risentirebbe di cinque o sei assenze, il mio augurio è quello di poter riavere qualche giocatore a disposizione dopo la sosta. Io però intanto conto su di tutto, è grazie ai ragazzi che stiamo ottenendo risultati importanti”.

Pioli ha parlato delle caratteristiche dei giocatori che potrebbero arrivare dal mercato. “Dovranno avere professionalità e fame, perché noi vogliamo continuare così. L’area tecnica sa che inseriremo giocatori solo se potranno far parte del Milan, le qualità non devono essere solo tecniche. Lavoriamo facendo attenzione a tutto”.

Pioli ha spiegato in cosa Leao può migliorare ancora. “Nessun giocatore al mondo può pensare di aver raggiunto la maturità calcistica a venti o a ventuno anni. Lui deve sentirsi di più attaccante, deve entrare più convinto in area e deve pensare di più al goal. Tutti qui possono crescere, l’importante è non fare passi indietro”.

Il 2020 è stato un anno che ha regalato enormi soddisfazioni. “Il momento più bello? Ce ne sono stati tanti, abbiamo ottenuto risultati importanti. La più grande soddisfazione è legata a ciò che ogni giorno i miei giocatori mi fanno vedere. Tutti qui voglio essere ambiziosi. Il giorno più bello è stato quello in cui Gazidis mi ha comunicato la scelta di andare avanti con me e con questo gruppo”.

Il molti parlano ormai di un Milan da Scudetto, ma Pioli preferisce concentrarsi sul presente. “Siamo ambiziosi, la squadra si sente forte e vogliamo vincere la partita di domani. A molti piace di parlare del futuro, ma non è così che lo si costruisce. Non dobbiamo pensare a maggio, ma andare avanti di partita in partita, perché è così che si fanno progressi. Cosa è migliorato dal 5-0 patito contro l’Atalanta? Quella fu una sconfitta umiliante che tutti avremmo voluto evitare, ma da lì in poi si è iniziato il percorso per ripartire. Il club ha fatto un grande mercato a gennaio e da lì è iniziata la costruzione del nostro percorso”.

Tags:

Leggi anche:

Caricamento contenuti...