SPORT
  1. Home
  2. CALCIO
  3. SERIE A

Radice, il ricordo di Claudio Sala: "Fu grandissimo innovatore"

'Puntava su allenamenti e chiedeva massimo, uomo leale e onesto'

La morte di Gigi Radice scatena il ricordo commosso dei giocatori lanciati e valorizzati dal grande tecnico brianzolo. Tra questi Claudio Sala, il geniale numero 7 del Toro dell’ultimo scudetto che definisce il suo mister: “Un innovatore, un grandissimo allenatore che ha cambiato il calcio italiano e ha regalato una delle più grandi soddisfazioni al Torino”.

Il ‘poeta del gol’, fantasista del Toro dell’ultimo scudetto, quello del 1976, ricorda così Gigi Radice, l’allenatore scomparso oggi a 83 anni dopo una lunga malattia. “Lo conobbi a Monza, giovanissimo – racconta Sala -, lo ritrovai anni dopo a Torino ed era sempre un innovatore, nonostante il passare degli anni”.

Radice importò in Italia il concetto di ‘calcio totale’, reso famoso dall’Ajax e dall’Olanda di Cruijff, stravolgendo il calcio italiano ancora legato al concetto di ‘catenaccio’ e ottenendo grandi risultati con il Torino. “Era un allenatore che puntava molto sugli allenamenti – spiega l’ex granata -. In campo pretendeva che tutti noi dessimo il massimo, sempre. Dal punto di vista umano era un uomo leale e onesto con tutti noi, diretto. Purtroppo ha avuto una malattia tremenda, che da tanti anni ormai lo stava logorando”.

VIRGILIO SPORT | 07-12-2018 17:26

Radice, il ricordo di Claudio Sala: 'Fu grandissimo innovatore' Fonte: ANSA

TAG:

SPORT TREND