Virgilio Sport

Ravezzani: “C’è un obbligo per tutti gli juventini”

Il giornalista torna sulla questione Luis Sanchez tirando in ballo anche i tifosi della Vecchia Signora

Pubblicato:

Ravezzani: “C’è un obbligo per tutti gli juventini” Fonte: Ansa

Il caso Luis Sanchez torna a far capolino e lo fa in modo ancora più netto rispetto a qualche mese fa. Nel corso del tempo infatti le indagini non si sono fermate e ora si comincia a parlare anche di un coinvolgimento della Juventus. Siamo ancora lontani dallo scoprire se il club bianconero abbia avuto un ruolo diretto e quindi sia anche passibile nei confronti della giustizia ordinaria o sportiva. 

L’attacco di Ravezzanni

Anche il giornalista di TeleLombardia, Fabio Ravezzani, interviene sulla questione lanciando un deciso attacco non tanto alla Juventus quanto ai suoi tifosi che in questo momento sono quelli che devono prendere posizione su questa vicenda: “Credo che qualsiasi juventino senziente non possa che essere costernato per il comportamento dei dirigenti nella vicenda Suarez, comunque vada a finire questa storia”. E alla replica di un tifoso che gli dice: “Se si rivelassero forzature da parte dei dirigenti juventini sarebbe grave. Se avessero invece solo preso informazioni su quale fosse iter e tempistiche, al fine di decidere la strategia di mercato, sarebbe legittimo”. 

E’ lo stesso Ravezzani a chiarire ancora meglio il suo pensiero: “In mezz’ora noi abbiamo saputo tutto. Ovvero: esame non banale e in caso di successo tempistiche per avere la cittadinanza anche di alcuni mesi. Non diciamo che la Juve si è mossa ignara di questo perché non sarebbe serio”. 

La reazione dei social

Tanti tifosi della Juve provano a intervenire in difesa della società: “Concordo su tutto – scrive Fabio – condanno Paratici e la Juve per questa leggerezza palese che non si poteva e doveva fare, però l’unica cosa che contesto è come trattate due vicende imbarazzanti, proprietà Milan e passaporto Juve, in modo così diverso dal vostro studio, poco difesa la Juve”. 

Enrico invece sembra molto deluso: “Sicuramente pensare di intervenire in questa vicenda dal finale già scritto è stato un grossolano errore di valutazione. Errore da matita rossa per dirigenti di così alto livello. Sarò costernato qualora emergesse una colpevolezza, da garantista aspetto paziente quel momento”. Skiud invece prova la difesa: “Uno juventino senziente aspetta la sentenza e la rispetta. Io sono certo che molti giornalisti non stanno facendo bene il loro lavoro”. Anche Cocky si schiera in difesa: “Si conferma il solito teatrino. Nessuno però che si chiede come possano uscire sui giornali intercettazioni coperte da segreto istruttorio e intanto si aizza la folla (senziente) verso una o l’altra persone (innocente e pulita) fino a prova contraria”. 

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Etichette per la tua azienda?

Caricamento contenuti...