,,
Virgilio Sport SPORT

Ravezzani, il tweet velenoso infiamma i milanisti

Il giornalista lancia una bordata al club rossonero

Negli ultimi giorni al Milan è successo davvero di tutti, con l’esonero di Giampaolo e l’ingaggio di Pioli come nuovo allenatore, arrivato fra uno scetticismo generale per certi versi quasi surreale. Non sorprende quindi che le critiche alla dirigenza rossonera siano arrivate da ogni parte, con Maldini e Boban nell’occhio del ciclone, ma anche e soprattutto Ivan Gazidis.

Ravezzani ci va giù pesante – Nella conferenza stampa di presentazione di Pioli Gazidis aveva esposto cosa ha rischiato il Milan, ma qualcuno non gli ha creduto. Si tratta del giornalista di TeleLombardia Fabio Ravezzani, che già in passato era stato molto critico nei suoi confronti, ma in questo caso ha pubblicato un tweet velenoso dove in pratica prova a sbugiardarlo completamente.

Il testo – Nel tweet pubblicato da Ravezzani sul suo profilo ufficiale si legge “Gazidis (4 milioni di stipendio) dice che Elliott ha salvato il Milan dalla D. Non è vero. C’erano altri compratori (Commisso) ma il fondo avvoltoio (così viene chiamato) ha ritenuto profittevole investire 500 milioni per ricavarne un miliardo in 4 anni. Ci risparmi il finto libro Cuore”. Un attacco diretto che ovviamente ha scatenato gli internauti milanisti, che hanno commentato il post.

Le repliche – C’è chi prova a correggerlo scrivendo “Sono meno di 500. A quella cifra si arriva fra prestito iniziale e successivi aumenti di capitale. Ma 120 mln degli adc sono serviti per rimborsare il bond a Elliott stesso, gli sono rientrati. Più o meno si parla di 370 mln, ma per la certezza bisogna attendere bilancio 18/19” e chi afferma “Il fatto che Eliott sia entrato per interessi è evidente ma lo è altrettanto il fatto che con 500 mln di rosso in 5 anni sarebbe fallito!!! Anche fosse entrato Commisso la sostanza sarebbe stata la medesima. I tifosi se ne devono fare una ragione”.

SPORTEVAI | 10-10-2019 10:12

Ravezzani, il tweet velenoso infiamma i milanisti Fonte: Twitter

Tags:

Leggi anche:

,,,,,,,,,,,,,,,
Caricamento contenuti...