Virgilio Sport

Ronaldo in platea a Sanremo, la precisazione di Sarri

Per il tecnico della Juventus nessun problema nonostante la serata all'Ariston sia terminata molto tardi.

07-02-2020 15:09

Alla vigilia della difficile partita contro l’Hellas Verona (ancora imbattuto nel 2020 e reduce dai pareggi in trasferta contro Milan e Lazio), Maurizio Sarri ha parlato in conferenza stampa, intervenendo sulla partecipazione in platea di Cristiano Ronaldo nella serata di giovedì del Festival di Sanremo, come spettatore interessato vista la presenza sul palco della compagna Georgina Rodriguez: “Non ho visto Sanremo, mi hanno detto che Georgina è stata brava – ha dichiarato il tecnico toscano -. Ho lavorato fino a tardi e per rilassarmi ho visto un film. Conoscendo Cristiano so che avrà dormito le ore giuste, non ho alcun dubbio”.

“Oggi si presenterà all’allenamento in buonissime condizioni come ha sempre fatto da quanto è tornato dall’infortunio” ha poi aggiunto Sarri, che sottolinea di non temere affatto ritardi da parte del portoghese nonostante la serata all’Ariston si sia conclusa alle 2 di notte.

Passano poi all’avversario di giornata, Sarri ha invitato tutti a fare attenzione e a non sottovalutare l’avversario: “Credo sia palese che il Verona stia facendo una grande stagione, è imbattuto da tanto, ha un allenatore di alto livello ed è una squadra aggressiva che molto bene. Penso sia chiaro anche ai nostri giocatori che la partita sia difficile, l’approccio dev’essere di buon livello”.

“Mi sembrerebbe di sottovalutare l’intelligenza dei miei giocatori sottolineando questo concetto – ha spiegato il mister bianconero -, il campionato che sta facendo il Verona è sotto gli occhi di tutti”.

Sul modulo da schierare, Sarri ha dichiarato di voler proseguire per ora con il 4-3-3: “E’ il modulo che in questo momento dà maggiori garanzie. Adesso con Douglas Costa il 4-3-3 è più facile. Se valuterò, ad esempio, che fare la partita col 4-3-1-2 sia meglio, la squadra sarà pronta”.

Sarri poi ha risposto a chi gli chiedeve se non fosse penalizzante un centrocampo poco prolifico in zona gol: “In questo momento che gli attaccanti segnano tanto non c’è questa esigenza. Abbiamo segnato tanto con i difensori, perché ha fatto 4 gol Bonucci, 3 De Ligt, ma hanno segnato pure Danilo e Chiellini. Possiamo sicuramente migliorare con i centrocampisti. Stiamo lavorando su ragazzi che storicamente non hanno mai segnato molto, ci vuole pazienza”.

SPORTAL.IT

Tags:

Leggi anche:

Caricamento contenuti...