,,
Virgilio Sport SPORT

Serie A, polemica Var: botta e risposta Sarri-Conte

Forti critiche anche dal Napoli.

Maurizio Sarri e Antonio Conte trovano un punto in comune: le critiche alla Var. Secondo entrambi gli allenatori il sistema di assistenza agli arbitri va rivisto o quanto meno chiarito: “A me piace di più quando arbitrano gli arbitri in campo. Poi ci sono le regole, alcune di queste non condivisibili. Su quella del fallo di mano non ci capisco nulla, ma in questo momento è così e non è che nella vita si violano le regole solo perché non le si capiscono. Il Var andrebbe usato per errori macroscopici, ma lo stanno usando 4-5 volte a partita”, è la critica dell’allenatore della Juventus in conferenza stampa alla vigilia del derby di Torino.

Così invece Conte nella conferenza stampa andata in scena poco dopo: “Non viene usato nello stesso modo da tutti. Toglie l’errore grosso ma l’anno scorso ero più positivo. Quest’anno non capisco il metro di giudizio. E’ difficile fare l’arbitro. Io fossi arbitro e avendo il Var a disposizione prenderei la decisione poi mi metterei completamente nelle mani del Var”.

“Arbitrerei anche con più serenità, con dietro una struttura che potrebbe correggere i miei errori. Ci fosse uno strumento così per gli allenatori… Gli arbitri stiano sereni”, conclude il mister nerazzurro.

Di Var ha parlato, sempre in modo negativo, il direttore sportivo del Napoli Cristiano Giuntoli, ancora scottato per quanto successo mercoledì scorso contro l’Atalanta: “Ci sono anomalie a cui assistiamo ogni domenica per mancanza di personalità da parte degli arbitri, non sappiamo più chi arbitra, se gli arbitri, il VAR, i guardalinee che non alzano mai, neanche di fronte a fuorigioco evidenti, per non prendersi responsabilità. Noi vogliamo chiarezza, dobbiamo essere rispettati, il popolo napoletano deve essere rispettato, così come la società per i bilanci a posto e la proposta tecnica di questi anni. Non possiamo vedere ogni partita falsata, non importa se a favore o sfavore. Noi non vogliamo aiuti, ma solo chiarezza”.

Perché l’episodio di Milik non è stato rivisto? Non lo so, è quello che gli abbiamo chiesto. In cinque anni non è mai successo, quindi ci sarà un motivo. Mi rifaccio alle parole di Gasperini che dice che dal vivo era rigore, tu fischialo e poi lo rivedi. Il difensore dell’Atalanta si scaglia contro Llorente che si è difeso, altrimenti sarebbe stato investito sulla faccia. Il rigore è netto, dal fotogramma sembra fallo ma perché non c’è prospettiva”.

SPORTAL.IT | 01-11-2019 17:50

Tags:

Leggi anche:

,,,,,,,,,,,,,,,
Caricamento contenuti...