Virgilio Sport

Serie A, dal governo un indizio sulla data del ritorno in campo

Per il ministro dello sport Spadafora la Serie A, ferma per l'allerta Coronavirus, potrebbe tornare in campo il 3 maggio.

Pubblicato:

Dopo le ipotesi delle ultime ore, arriva dal governo un indizio in più su quale possa essere la data ideale per far ripartire il campionato di Serie A di calcio. Il ministro delle Politiche Giovanili e dello Sport, Vincenzo Spadafora, ha dato infatti un’indicazione precisa nel corso di un’intervista ai microfoni del TG1.

“Ritengo che la Serie A possa tornare a giocare il 3 maggio” ha detto il ministro, che ha dato seguito alla prima delle tre ipotesi allo studio, escludendo momentaneamente quelle che rivorrebbero la ripresa della massima serie del calcio italiano il 9 o il 16 maggio.

Spadafora ha anche parlato della possibilità di giocare a porte chiuse alla ripresa dei tornei: “Valuteremo in seguito se far giocare le partite a porte aperte o a porte chiuse. Poi, oltre al campionato, dobbiamo ricordare che torneranno le competizioni internazionali, come Europa League e Champions League, che andranno ad aggiungersi al calendario”.

Sulla questione legata alle perdite economiche delle società sportive e sul piano fiscale d’emergenza da parte del governo, Spadafora ha aggiunto: “Abbiamo sospeso tutti gli adempimenti fiscali fino al 30 maggio per tutte le Federazioni sportive e per tutte le altre attività sportive. Abbiamo sospeso gli affitti di tutte le strutture di proprietà dello Stato e abbiamo previsto una indennità di 600 euro una tantum per le decine di migliaia di collaboratori sportivi che sono in giro per l’Italia e lavorano nelle piccole realtà italiane”.

Per quanto riguarda la possibilità di allenarsi, però, il ministro ha annunciato nuove direttive da parte del governo: “Nelle prossime ore bisognerà prendere in considerazione un divieto completo dell’attività all’aperto – ha detto -. Quando abbiamo lasciato libera scelta l’abbiamo fatto perché la comunità scientifica ci aveva chiesto di non vietarlo tassativamente per permettere di svolgere attività a chi è costretto a farlo per altre patologie”.

“Resta comunque l’appello generale di restare a casa, ma se l’appello non viene rispettato servirà un divieto assoluto” ha chiosato Spadafora.

SPORTAL.IT

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Liberati dell'amianto in modo sicuro

Caricamento contenuti...