Virgilio Sport

Serie A, lo scenario di Bellinazzo spaventa i tifosi

Il giornalista, esperto di calcio e finanza, rivela le difficoltà della Serie A e critica le mancate scelte del governo

Pubblicato:

Serie A, lo scenario di Bellinazzo spaventa i tifosi Fonte: Ansa

La serie A rimane al bivio. Si discute ancora del protocollo e di tutte le misure che si dovrebbero adottare per far partire di nuovo il calcio in Italia. In questo momento soprattutto dal punto di vista del governo sembrare regnare la paura di prendere la decisione sbagliata, ma il rischio è quello di non decidere.

La critica di Bellinazzo: “L’indecisione la scelta peggiore”

Il giornalista del Sole 24 Ore, Marco Bellinazzo ha detto la sua sull’argomento con un post su Twitter nel quale spiega: “Imporre la quarantena per due settimane a tutta la squadra in caso di contagio di un calciatore (anziché isolare solo quest’ultimo come in Bundesliga e Premier) significa ipotecare negativamente la ripresa della Serie A che dovrebbe completare più di 120 match entro il 2 agosto”.

E’ proprio la mancanza di scelte in un momento così delicato a mettere ancora di più a rischio il futuro del calcio: “Il Governo può legittimamente anteporre la salute alle ragioni economiche del calcio e dello sport, ma ha il dovere di decidere senza trincerarsi dietro tecnicismi-sanitari, e addossando a altri la responsabilità. L’indecisione talvolta è peggiore di una di una decisione sbagliata”.

La preoccupazione dei tifosi

Il tema calcio continua a essere un argomento molto divisivo sui social media. Molti tifosi spingono per la ripartenza, per ragioni economiche ma anche come volontà di un ritorno alla normalità dopo mesi molto difficili, altri invece continuano a far presente l’importanza della questione “sanitaria” piuttosto che di quella economica.

Molto critico Alessandro: “Non c’è nessuna imposizione. Fa parte del protocollo sanitario nazionale che noi cittadini dobbiamo rispettare ma come al solito i cialtroni del calcio pensano di aggirartele leggi”. Punto di vista simile anche quello di Gigio: “Quindi se sei positivo in famiglia, tutta la famiglia va in quarantena per sicurezza, mentre per loro non funziona così che praticamente si respirano addosso in campo? Sarebbe folle il contrario”.

Ma c’è anche chi critica le misure troppo dure che il governo vuole imporre come Domenico: “Credo che sia una proposta senza senso: tanto vale dire che il campionato è concluso. Ma ahimè, questo apre scenari piuttosto grigi anche per il prossimo. Perché senza un vaccino a settembre siamo nella stessa situazioni di oggi. Con questa classe dirigente non andiamo da nessuna parte”. Mentre c’è chi vede questo momento di crisi come un’occasione da sfruttare: “Occasione irripetibile per riformare tutta la baracca. Due serie A e B (36 squadre), il resto dilettanti. Impianti di proprietà condizione minima. Bilanci e garanzie sostenibilità debito condizione non negoziabile per l’iscrizione”.

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi
SERIE A:
Genoa - Lazio
Cagliari - Juventus
SERIE B:
Reggiana - Cosenza
Palermo - Parma

SPORT TREND

Liberati dell'amianto in modo sicuro

Caricamento contenuti...