Virgilio Sport

Sfogo Zhang, polemica senza fine. Si muove anche la Procura Figc

Sotto osservazione le parole pubblicate dal presidente nerazzurro su Instagram.

03-03-2020 12:52

Sfogo Zhang, polemica senza fine. Si muove anche la Procura Figc Fonte: 123RF

Continua ad infuriare la polemica fra i vertici del calcio italiano e il giovane presidente dell’Inter Steven Zhang, dopo il durissimo attacco di quest’ultimo via Instagram nella serata di lunedì. A tal proposito, la Procura della Federcalcio guidata da Giuseppe Chinè ha aperto un’indagine sulle parole del presidente nerazzurro.

Queste le parole di Zhang pubblicate nella sezione “stories” del noto social network, sotto accusa da parte dei critici e ora esaminate dalla Procura Figc: “Giocare con il calendario e mettere sempre la salute pubblica al secondo posto: sei probabilmente il pagliaccio più grande che abbia mai visto. 24 ore? 48 ore? 7 giorni? Cos’altro? Quale sarà la tua prossima mossa? Ora ci vieni a parlare di sportività e di una competizione limpida”.

“Come puoi farlo quando non proteggi i nostri calciatori e i nostri tecnici, chiedendo loro la disponibilità a giocare per te tutti i giorni, a tutte le ore? Sto parlando con te, Paolo Dal Pino, il nostro presidente di Lega. Vergognati. Devi alzarti e prenderti le tue responsabilità, questo è quello che si fa nel 2020″, le parole del numero nerazzurro affidate al suo profilo Instagram.

Non tutto il fronte dei tifosi interisti è però d’accordo con le parole di Zhang: un sostenitore d’eccezione come il giornalista Enrico Mentana si è infatti sfogato contro il giovane presidente: “Un presidente di società di serie A non può dare del pagliaccio al presidente della Lega Calcio. E’ vergognoso” ha scritto su Facebook nella tarda mattinata di martedì.

Danneggia il suo club, delegittima il sistema, fa pensare a sostenitori e avversari che alla guida dell’Inter ci sia non una figura di polso ma un ragazzino miliardario che non va lasciato solo nemmeno sui social” ha aggiunto il giornalista di fede nerazzurra.

SPORTAL.IT

Leggi anche:

Caricamento contenuti...