,,
Virgilio Sport SPORT

Spalletti meglio di Mourinho, l'Inter da record è seconda

Il 2-1 in casa del Verona vale il record per i nerazzurri.

L’Inter batte il Verona per 2 a 1 al Bentegodi davanti a 26.948 mila spettatori di cui 2800 tifosi nerazzurri nel settore ospite ed almeno altrettanti in altre parti dello stadio. Gara al piccolo trotto nel primo tempo risolto da un colpo a sorpresa di Borja Valero con la difesa gialloblù imbambolata. Come un’indecisione nerazzurra ha causato il rigore che ha permesso al Verona di trovare il pareggio in una ripresa più viva; quindi il marchio di Peresic ha consentito ai nerazzurri di conquistare 3 punti d’oro contro un Verona che non ha demeritato. L’Inter sale a 29 punti, due in meno del Napoli capolista; l’Hellas resta inchiodata al penultimo posto in coabitazione col Genoa a 6 punti. Prossimo turno: Cagliari-Verona, Inter-Torino.

Primo tempo. Pallino del gioco nelle mani dei nerazzurri ma, inizialmente, è il Verona più pericoloso. Romulo se ne va sulla sinistra e centra, pronta la battuta di Cerci intercettata dalla retroguardia nerazzurra, quindi ci prova Verde, bello spunto non altrettanto la conclusione facile presa di Handanovic. 17’: Inter pericolosissima in contropiede, Icardi inizia e rifinisce l’azione, calciando a lato da ottima posizione. Botta e risposta al 22’: Vecino impegna Nicolas in una parata a terra, sull’altro fronte Bessa centro basso ma nessuno dei suoi è pronto alla deviazione vincente. 29’: angolo Inter, nulla di fatto. 35’: Borja Valero stacca (male) di testa, ostacolato in area, l’arbitro lascia correre. Un minuto più tardi centro dalla destra, Borja Valero sorprende tutti, correggendo in rete sottomisura per lo 0 a 1 interista. Il Verona non riesce a reagire, l’Inter controlla e continua a proporsi in avanti pericolosamente. Un minuto di recupero e tutti negli spogliatoi.

Secondo tempo. Inizio di ripresa e subito Inter pericolosa: Icardi, lanciato in contropiede, calcia sopra la traversa. 9’: si fa vedere Cerci, spunto e battuta dal limite, palla a lato. Un minuto più tardi contatto Handanovic Cerci in area nerazzurra dopo che Kean aveva messo , l’arbitro ferma il gioco per il responso della Var che decreta il calcio di rigore all’8’. Nello stesso momento Pecchia inserisce Pazzini per Kean: proprio il neo entrato va sul dischetto, battendo Handanovic per l’1 a 1 dell’Hellas Verona. L’Inter si riporta subito in avanti, Vecino corregge un angolo, colpendo la parte alta della traversa. Seconda sostituzione nell’Hellas: dentro Zuculini per Bessa al 19’. 22’: angolo Inter, ribattuto fuori area, Peresic, indisturbato al limite, fulmina Nicolas per l’1 a 2 nerazzurro. 28’: dentro Brozovic per Candreva nell’Inter. Alla mezzora i gialloblù sfiorano il pareggio: centro a mezz’altezza di Fares dalla sinistra, Pazzini non c’arriva per un niente con la porta sguarnita. 33’: Spalletti inserisce Cancelo per Borja Valerio, Pecchia toglie Cerci per Lee. 41’: dentro Eder per Icardi nell’Inter. Cinque minuti di recupero, Handanovic esce con i pugni per respingere un angolo, la curva Sud espone lo striscione “Pecchia Vattene” e l’arbitro decreta la fine: Verona-Inter 1-2.

SPORTAL.IT | 30-10-2017 22:55

Spalletti meglio di Mourinho, l'Inter da record è seconda Fonte: 123RF

Tags:

Leggi anche:

,,,,,,,,,,,,,,,,
Caricamento contenuti...