,,
Virgilio Sport SPORT

Vergogna a Bari, compare striscione: "Perché Astori e non Masiello?"

La scritta su un cavalcavia della tangenziale: unanime la condanna dell'episodio.

La morte di Davide Astori per tutta la giornata di domenica 4 marzo ha unito l’Italia in un unico abbraccio e in un clima di generale costernazione per la morte a soli 31 anni di un calciatore e un uomo nel pieno della sua vita e della sua carriera. Le manifestazioni di affetto e cordoglio sono arrivate a Firenze e San Giovanni Bianco (il paesino in provincia di Bergamo dove Astori era nato) da ogni angolo d’Italia e da ogni club e tifoseria dello Stivale: dai fiorentini ai romanisti, dagli juventini ai napoletani, passando per milanisti, interisti, cagliaritani, udinesi e chiunque abbia nel cuore lo sport in senso assoluto. Una tale tragedia, insomma, ha fatto dimenticare per qualche ora i vari campanilismi e le rivalità tra squadre avversarie, una volta tanto tutte unite nel nome di un ragazzo che non c’è più.

Purtroppo, però, le ore di generale costernazione sono passate ed è stato registrato un episodio aberrante in quel di Bari. Un episodio che ha trasformato la costernazione in una nuova, allucinante manifestazione di odio.

Sulla tangenziale del capoluogo pugliese, precisamente su un cavalcavia situato poco dopo l’uscita 11 di Poggiofranco, è infatti comparso uno striscione con una scritta allucinante: “Perché Astori e non Masiello?”.

L’evidente riferimento è ad Andrea Masiello, attualmente difensore dell’Atalanta e che ai tempi di Bari fu coinvolto nella vicenda calcioscommesse dopo un celebre autogol arrivato in occasione del derby contro il Lecce.

L’episodio è stato ovviamente stigmatizzato da tutti, ma resta la vergogna per una tragedia che ha colpito l’intero mondo dello sport italiano e che qualcuno ha utilizzato addirittura per augurare la morte ad un’altra persona. E che, fortunatamente, è stato condannato proprio a cominciare dai suoi conterranei di Bari e dintorni.

SPORTAL.IT | 05-03-2018 13:20

Tags:

Leggi anche:

,,,,,,,,,,,,,,,
Caricamento contenuti...