,,
Virgilio Sport

FIFA, continuano le accuse di violazione diritti umani: ora è Amnesty International che attacca

La FIFA nega di aver chiuso un occhio sulle violazioni dei diritti umani in Qatar, affermando invece che il progetto della Coppa del Mondo ha portato un cambiamento positivo.

19-05-2022 17:55

FIFA, continuano le accuse di violazione diritti umani: ora è Amnesty International che attacca Fonte: Getty Images

La FIFA dovrebbe accantonare 440 milioni di dollari dei proventi della Coppa del Mondo come risarcimento per i lavoratori che hanno sofferto durante i preparativi per la Coppa del Mondo 2022, ha dichiarato il gruppo per i diritti umani Amnesty International.

Questa somma corrisponde al montepremi totale offerto alle squadre del torneo, che si svolgerà a novembre e dicembre.

Amnesty, che come parte di una coalizione ha scritto all’organo di governo mondiale del calcio per chiedere un “programma di riparazione completo”, ha affermato che c’è stata “una litania di abusi” da quando la FIFA ha assegnato il torneo al Qatar.

Secondo la coalizione, “la mancanza di applicazione delle riforme del lavoro del Qatar e il gruppo ristretto di lavoratori coperti dagli impegni della FIFA ne hanno limitato l’impatto”.

In risposta, la FIFA ha dichiarato che l’assegnazione della Coppa del Mondo è “servita da catalizzatore per le riforme sui diritti del lavoro in Qatar“.

Amnesty, in un rapporto pubblicato giovedì, ha affermato che “la portata degli abusi che richiedono un intervento correttivo dal 2010 rimane vasta”, sostenendo che migliaia di persone sono state “defraudate dei loro salari da datori di lavoro abusivi, costrette a lavorare per un numero eccessivo di ore o sottoposte a condizioni che equivalgono al lavoro forzato”. Secondo Amnesty, alcuni sono morti dopo aver lavorato in condizioni inospitali e “le loro morti sono state raramente indagate e le loro famiglie quasi mai risarcite”.

Secondo Amnesty, la FIFA “ha contribuito a una vasta gamma di abusi sul lavoro che erano sia prevenibili che prevedibili”.

Agnes Callamard, segretario generale di Amnesty International, ha dichiarato:

“Data la storia delle violazioni dei diritti umani nel Paese, la FIFA conosceva, o avrebbe dovuto conoscere, gli ovvi rischi per i lavoratori quando ha assegnato il torneo al Qatar. Ciononostante, nella valutazione della candidatura del Qatar non è stata fatta alcuna menzione dei lavoratori o dei diritti umani e non sono state poste condizioni per la tutela del lavoro. Da allora la FIFA ha fatto troppo poco per prevenire o mitigare questi rischi.

“Il risarcimento dei lavoratori che hanno dato tanto per la realizzazione del torneo e l’adozione di misure per garantire che tali abusi non si ripetano mai più potrebbero rappresentare una svolta importante nell’impegno della FIFA a rispettare i diritti umani.

“Chiudendo un occhio sulle prevedibili violazioni dei diritti umani e non riuscendo a fermarle, la FIFA ha indiscutibilmente contribuito al diffuso abuso dei lavoratori migranti coinvolti nei progetti legati alla Coppa del Mondo in Qatar, ben oltre gli stadi e gli hotel ufficiali”.

La FIFA nega fermamente di aver chiuso un occhio, e in una lettera pubblicata da Amnesty ha dichiarato che:

“Le questioni relative ai diritti umani sono state prese in considerazione nella pianificazione della Coppa del Mondo FIFA 2022 fin dall’inizio, con il comitato di candidatura che mira a utilizzare la competizione come strumento per dare forma a un più ampio cambiamento sociale in Qatar“.

L’organismo mondiale ha dichiarato che “la diligence messa in atto per proteggere i lavoratori coinvolti nei progetti della Coppa del Mondo FIFA è stata una fonte di apprendimento continuo”.

La FIFA ha dichiarato che “innumerevoli lavoratori hanno già ricevuto una riparazione finanziaria”, compresi i salari arretrati e il rimborso di 22,6 milioni di dollari di tasse di reclutamento entro dicembre 2021, con altri 5,7 milioni di dollari stanziati in quell’area.

La lettera della FIFA, guidata dal presidente Gianni Infantino, è stata firmata da Andreas Graf, responsabile dei diritti umani e della lotta alla discriminazione.

Ha aggiunto: “Il lavoro per chiedere conto alle aziende dei diritti del lavoro non è stato privo di sfide e continuerà a richiedere seri sforzi nei prossimi mesi.

“Allo stesso tempo, siamo lieti di aver assistito a progressi significativi non solo per i lavoratori della Coppa del Mondo FIFA, ma anche per il Paese in generale, che hanno portato a cambiamenti positivi tangibili per centinaia di migliaia di lavoratori in tutto il mondo”.

Tags:

Leggi anche:

,,,,,,,,,,,,,,,,,,,
Caricamento contenuti...