,,
Virgilio Sport SPORT

Australian Open, Djokovic torna in stato di fermo e Nadal sbotta

Il serbo numero uno sarà controllato da due agenti dell’immigrazione fino alla sentenza. Nel frattempo sbuca l'errore di un italiano nel formulario.

15-01-2022 08:39

La telenovela Novak Djokovic pare giunta al traguardo. Il campione serbo è in stato di fermo e adesso si trova nuovamente al Park Hotel, in attesa dell’udienza di domani alle 9.30 (le 23.30 di stasera in Italia). 

Djokovic, cosa rischia il serbo

Il tennista numero uno al mondo sarà controllato da due agenti dell’immigrazione fino alla sentenza, nella struttura di detenzione ci sono altri 33 immigrati richiedenti asilo. Il serbo no-vax ha contratto il Covid-19 a metà dicembre e stando alle sue dichiarazioni non sarebbe riuscito a isolarsi pur sapendo di essere positivo.

Se il visto fosse cancellato definitivamente, Djokovic rischierebbe addirittura di essere espulso dall’Australia per tre anni. In questo caso, l’Australian Open perderebbe il più titolato del torneo non solo in questa stagione. Per ora, il serbo dovrebbe giocare lunedì nel Day 1. La sua presenza sarà stabilita a breve, al momento a Djokovic non resta che attendere.

Caso Djokovic, spunta l’errore di un italiano

Nel frattempo escono nuovi particolari della telenovela. Djokovic ha dichiarato di non aver viaggiato prima della partenza, ma non sarebbe così. Il serbo sostiene di non aver compilato il modulo di persona e infatti, stando a quanto riporta Il Corriere della Sera, ci sarebbe un italiano dietro all’errore del formulario: si tratta di Edoardo Artaldi, manager che segue il numero uno al mondo dal 2011.

Djokovic, lo sfogo di Nadal

Djokovic rischia grosso, il popolo serbo resta costantemente al suo fianco. Ieri il presidente Aleksandar Vucic ha attaccato l’Australia: “Se volevi vietare a Novak Djokovic di vincere il 10° trofeo a Melbourne, perché non lo hai restituito subito, perché non gli hai detto: è impossibile ottenere il visto? Novak, siamo al tuo fianco!”.

Sono invece un po’ contrariati e stufi i rivali di Djokovic. Dopo lo sfogo di Tsitsipas, è arrivato quello di Rafael Nadal: “Onestamente, sono un po’ stanco della situazione. L’Australian Open è molto più importante di qualsiasi giocatore. Se alla fine giocherà, ok. Se non giocherà, l’Australian Open sarà un grande Australian Open, con o senza di lui. Questo è il mio punto di vista”.

OMNISPORT

Tags:

Leggi anche:

,,,,,,,,,,,,,,,,
Caricamento contenuti...