Virgilio Sport

Covid, non c'è pace in Premier: rinviate gare Tottenham e Manchester

Il Covid si abbatte sulla Premier League: rinviata anche Leicester-Tottenham, terzo match di fila per gli Spurs.

Pubblicato:

Covid, non c'è pace in Premier: rinviate gare Tottenham e Manchester Fonte: Getty Images

Dopo la cancellazione di Leicester-Tottenham di stasera, è stato comunicato ufficialmente anche il rinvio di Manchester United-Brighton, match previsto per sabato. Secondo alcune informazioni, nel gruppo squadra dei Red Devils i casi di contagio sono saliti a quota 19.

Non c’è pace per il Tottenham di Antonio Conte. Altra gara rinviata per gli Spurs. Il match in programma stasera contro il Leicester non si giocherà per via dei casi positivi riscontrati nelle Foxes allenati da Brendan Rodgers. Diventano tre le gare rinviate per il Tottenham negli ultimi sette giorni, tutti rinvii a data da destinarsi legati ai contagi da coronavirus.

Il Tottenham non è sceso in campo giovedì 9 dicembre contro il Rennes di Conference League, partita che l’Uefa ha poi stabilito di non far recuperare (la squadra londinese rischia di perdere a tavolino 3-0) e domenica 13 dicembre in campionato contro il Brighton.

Ecco la nota ufficiale del Tottenham che rende noto il rinvio:

“We can confirm that tonight’s Premier League fixture at Leicester City has been postponed following a Premier League Board meeting this morning”.

Il consiglio di amministrazione della Premier League ha rinviato la partita di stasera del Leicester City FC contro il Tottenham Hotspur a causa di un aumento dei casi positivi di COVID-19

Alla luce delle nuove informazioni, stamattina il Leicester ha chiesto la sospensione dell’incontro a causa di un’epidemia in corso all’interno della squadra, che ha portato oggi membri della squadra e dello staff tecnico positivi al COVID-19. Ciò ha lasciato il club con un numero insufficiente di giocatori disponibili per completare il gioco

Dopo aver consultato la Premier League e l’Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito, il campo di allenamento del club è stato chiuso.

Il Consiglio valuta le richieste di rinvio delle partite caso per caso, sulla base delle regole esistenti e delle linee guida per il rinvio del COVID-19 rilasciate a tutti i club. Valuterà una serie di fattori, inclusa la capacità di un club di schierare una squadra; lo stato, la gravità e il potenziale impatto dell’epidemia di COVID-19 nel club; la capacità dei giocatori di prepararsi e giocare in sicurezza.

Con la salute e il benessere di tutti i giocatori e del personale come priorità, e alla luce del recente aumento dei casi di COVID-19 in tutto il paese, la Premier League ha reintrodotto le misure di emergenza. Questi includono protocolli come test più frequenti, indossare coperture per il viso mentre si è al chiuso, osservare il distanziamento sociale e limitare il tempo di trattamento.

La variante Omicron (oltre 78mila casi nelle ultime 24 ore nel Regno Unito) sta mettendo in ginocchio non solo il Tottenham, ma anche altre squadre. Il Leicester, la squadra che doveva incontrare gli Spurs, è, quindi a sua volta, alle prese con un focolaio Covid.

Così l’allenatore del Leicester, Brendan Rodgers:

Giocatori, allenatori e dirigenti tutti vogliono giocare. Ma la salute di tutti deve essere la priorità. Con più giocatori disponibili, il prodotto è migliore”.

La decisione di rinviare il match tra Foxes e Spurs, si somma in questo turno di campionato ai rinvii di Brentford-Manchester United e Burnley-Watford.

La situazione peggiora di ora in ora e si susseguono gli appelli per rinviare altre gare.

Secondo indiscrezioni si teme addirittura uno stop all’attività calcistica almeno fino a metà gennaio.

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Non farti bloccare dalle paure

Caricamento contenuti...