Virgilio Sport

Carl Lewis: "L'atletica leggera di oggi è deludente"

Il "figlio del vento" non ha dubbi: "Il sistema è rotto".

Pubblicato:

Carl Lewis: "L'atletica leggera di oggi è deludente" Fonte: Getty Images

Intervistato ad As, la leggenda dell’atletica Carl Lewis non ha usato mezzi termini: “L’atletica leggera di oggi è deludente. Il modo migliore per descriverlo è un confronto con Sears (una catena di grandi magazzini americana). Questa azienda è diventata famosa per il suo catalogo e poi ha cessato l’attività a causa di Internet. Ecco come vedo l’atletica oggi. Insomma una multinazionale diretta verso il fallimento”.

“Il sistema è rotto – continua il “figlio del vento” -. Se Sears assumesse un grande CEO non avrebbe importanza perché il loro modello di business è finito. Questo è il problema, che la malattia deve essere isolata e agire contro di essa, ma non si fa. Bolt ha fatto una carriera di otto anni eppure lo sport non ha smesso di degradarsi in quel periodo”.

Il nove volte campione olimpico: “Qualcuno correrà più veloce, perché finisce sempre per succedere. Ma il modo in cui la società è cambiata rende più difficile la progressione nel salto in lungo. La società non dice più ai suoi figli di lavorare sodo. Faccio un esempio: i bagnanti non chiedono una piscina più corta, ma la società finisce per imporgliela. Ora si tratta di rendere tutto più semplice. Quando hai quella che considero la disciplina più complicata dell’intero mondo dello sport e la tua idea è di semplificarla, come possiamo migliorare? Continuo a sentire i motivi per cui il salto in lungo non va bene, ma nessuno me lo chiede e tutto quello che dicono è sbagliato. “È che le persone preferiscono altri sport, è che le persone fanno questo, è che le persone fanno l’altro”. Vai a guardare l’elenco dei motivi e non ha nulla a che fare con la realtà. Quindi penso che la società ci abbia messo in una posizione in cui ci vorrà molto tempo per vedere qualcuno saltare più di 9 metri”.

Il record mondiale del salto in lungo outdoor è di 31 anni fa, per Lewis una prova evidente del suo pensiero: “È rivelatore. Sono passati molti anni, e non c’è nemmeno nessuno che ci provi. Perché è molto difficile. I bambini non vogliono più fare niente di difficile. Ogni due o tre anni qualcuno salta sopra 8,50 e la gente impazzisce. Qualcuno una volta mi ha dato una lista e mi ha chiesto chi sarebbe stato il prossimo. Sono saltato sopra 8,53 70 volte prima di raggiungere 8,87. 70 volte! Qualcuno pensa che salterà 8,67 una volta e il prossimo 8,90? Ecco come siamo messi. Il salto in lungo è una disciplina in cui non puoi avere fortuna qualche volta. Questo è il punto, e la società non è più progettata per impegnarsi in qualcosa di veramente difficile. Adesso è tutto più facile, e invece il salto è ancora qualcosa di difficile. È frustrante”.

Leggi anche:

Falkesteiner Hotel & Spa Falkesteinerhof

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Farmacia Eredi Marino Dr. Giovanni

Caricamento contenuti...