,,
Virgilio Sport SPORT

Coni, nessuna sorpresa: riconfermato Giovanni Malagò

Si tratta del terzo mandato: è in carica dal 2013

Nessuna sorpresa: nel giorno delle elezioni della Presidenza del CONI, viene confermato Giovanni Malagò.

Per lui si tratta del terzo mandato: è infatti in carica dal 19 febbraio 2013. Malagò è stato confermato dal consiglio elettivo riunito presso il Tennis Club Milano Alberto Bonacossa. Ha ottenuto 55 voti precedendo Renato Di Rocco, fermo a quota 13, mentre ha raccolto un consenso Antonella Bellutti.

 Ora si svolgeranno le elezioni per la nomina della giunta.

Malagò prima di essere eletto, come tutti i candidati ha tenuto in breve discorso: “Da 107 anni questo è il momento più importante del Comitato olimpico. Serve a ricordare gli impegni dei prossimi 4 anni, si crea emozione, pathos, complicità in senso buono almeno spero. Ma a prescindere da queste peculiarità, oggi ne abbiamo altre: il luogo, qui, la persona a cui dobbiamo tutto, Giulio Onesti, quando la politica decise di intraprendere un’altra strada, e che il Coni si chiudesse, lui si rese conto di quella che era ed è l’importanza del Comitato Olimpico nel nostro Paese. Sappiamo le percentuali di quanti non riapriranno e di quanti rischiano di non riaprire, sappiamo le incertezze sul domani, che rischiano di renderlo molto più marginale rispetto a prima. Alla pandemia si sono aggiunte burrasche politiche. Il legislatore ha deciso che i presidenti non potessero fare più di 3 mandati. Siamo a Milano perché è città Olimpica: lo sarà fino al 2026 e in eterno. Lo è perché ci hanno dato fiducia, sappiamo benissimo chi non ce l’ha data. Famiglia e sport sono la base dei miei valori su cui io strutturo tutta la mia quotidianità. Ho ascoltato tutti e ho risolto quasi tutti i problemi che mi avete portato. Non avete trovato mai la porta del mio ufficio chiusa, anche se accanto succedeva tutto quello che vi ho raccontato. Abbiamo tenuto il timone dritto valorizzando il nostro marchio: abbiamo riconquistato la nostra autonomia, ora dobbiamo trovare risorse da trasferire a ogni federazione con parametri chiari, individuati da terzi del nostro mondo, e non da fuori, per trasferirlo ai grandi malati: le società sportive e gli impianti. Il Pil dello sport è cresciuto rispetto a quello del Paese. E’ possibile solo perché è sceso così tanto il denominatore che le nostre percentuali sono migliori. Ma dobbiamo chiedere più di quello che si è fatto per sostenere lo sport. L’ultima cosa che dobbiamo fare è far vedere che qualcuno gioca una partita per conto proprio”.

OMNISPORT | 13-05-2021 11:52

Coni, nessuna sorpresa: riconfermato Giovanni Malagò Fonte: Getty Images

Tags:

Leggi anche:

SPORT TREND

,,,,,,,,,,,,,,,,
Caricamento contenuti...