,,
Virgilio Sport SPORT

Dalma, quel grazie per Maradona: "Una tristezza che non se ne va"

La primogenita di Diego Armando Maradona, Dalma, ha voluto ringraziare pubblicamente il Boca per l'omaggio a suo padre. Ma su Instagram ha anche svelato la grande desolazione che ha dentro

Dalma Nerea Maradona ha raccolto le emozioni, il senso di gratitudine che l’ha riempita mentre occupava la tribuna riservata a suo padre Diego Armando Maradona, e ha ricucito quel legame mai strappato con la Bombonera, con i suoi colori, l’amore vero del Pibe de Oro, di suo nonno. Perché essere lì, dopo la scomparsa di Maradona, ha un senso in più, nonostante il dolore, in rispetto delle scelte anche politiche volute e sentite dal Diez.

Il ringraziamento di Dalma Maradona al Boca e al popolo di Diego

Dalma c’era, comunque, e ha accolto con il medesimo affetto il dono che è stato un tributo giusto e autentico al più grande di sempre.

“Grazie per l’invito a quel bellissimo tributo che è stato fatto a mio padre! Grazie al presidente del Boca e alla commissione direttiva, a tutte le persone che hanno fatto la logistica, quelli che mi hanno incrociato e mi hanno mostrato affetto, quelli che hanno messo le bandiere, I GIOCATORI DEL BOCA❤️, quelli dell’Old Newell e soprattutto Cristian Riquelme! Non sapevo se poteva sopportare di essere lì senza di lui, ma non volevo nemmeno lasciare la tribuna vuota! Ho fatto del mio meglio e anche se questa tristezza non va via con nulla, li ringrazio per averlo ricordato con tanto affetto e amore genuino! Grazie a nome di tutti i vostri figli, dei suoi fratelli Lalo, Hugo, Mary, Lili e dei vostri nipoti ❤️”, ha scritto su Instagram Dalma per ricambiare l’amore e svelare anche il profondo senso di tristezza che ha dentro.

L’omaggio del Boca Juniors a Maradona nello storico stadio della Bombonera, alla presenza di Dalma, ha commosso chiunque lo abbia visto. Il Boca, che nella notte italiana ha giocato e vinto 2-0 contro i Newell’s Old Boys (ultime due squadre della carriera del Pibe de Oro) lo ha ricordato indossando una maglia con il nome di Maradona impresso sulla schiena, i giocatori poi sono andati a applaudire sotto il box dove si trovava Dalma.

L’omaggio commovente a Diego Armando Maradona alla Bombonera

Prima dell’incontro, tutti i giocatori e l’arbitro sono entrati in campo con la maglia dell’Albiceleste e la sagoma di “Diego” sul petto. Riuniti nel cerchio di centrocampo, in mezzo una grande immagine del campione. In sottofondo il brano “La mano de Dios” e sul maxischermo il famoso gol in solitaria di Maradona contro l’Inghilterra nei quarti di finale del Mondiale 1986 (2-1).

Senza pubblico a causa della pandemia, gli spalti della Bombonera erano pieni di bandiere e striscioni dedicati al Diez, tra cui un’enorme tela che lo stesso Maradona aveva regalato ai tifosi del Boca quasi 30 anni fa. A metà tempo le luci dello stadio si sono spente per lasciare acceso solo il palco, sormontato da un enorme striscione giallo con l’immagine di Maradona, con la scritta #DiegoEterno, il suo anno di nascita 1960 e il segno dell’infinito. Come è lui, eterno e infinito marcatore di sogni, riscatti e rivalse sul campo di gioco.

VIRGILIO SPORT | 01-12-2020 19:18

Tags:

Leggi anche:

,,,,,,,,,,,,,,,,
Caricamento contenuti...