,,
Virgilio Sport SPORT

Ciclismo Su Strada

Ciclismo su strada Fonte: IPA

CALENDARIO GARE CICLISMO SU STRADA

Gli azzurri e le azzurre del ciclismo su strada

Azzurri prova su strada Caruso, Bettiol, Moscon, Ciccone, V.Nibali
Azzurri cronometro Ganna, Bettiol
Azzurre prova su strada Longo-Borghini, Paladin, Cavalli/Bastianelli/Guderzo
Azzurre cronometro Longo-Borghini

Il ciclismo su strada è una disciplina olimpica dal 1896 e prevede due competizioni, sia maschili che femminili: la gara in linea, che si tiene tipicamente su un circuito selezionato al pari di quella dei campionati del mondo; la prova individuale a cronometro. Verranno quindi assegnate due medaglie d’oro agli uomini e due alle donne.

Sebbene inizialmente il ciclismo olimpico fosse originariamente riservato ai dilettanti, da Atlanta 1996 anche i ciclisti professionisti hanno potuto partecipare. Una decisione che ne ha accresciuto la popolarità. Le gare olimpiche di ciclismo su strada si sono generalmente svolte su un circuito, ma per la prima volta ai Giochi di Tokyo 2020 verranno utilizzati punti di partenza e di arrivo diversi.

Dalla partenza in massa, i ciclisti copriranno un percorso di 244 km per gli uomini, e di 147 km per le donne, attraverso tre prefetture di Tokyo. La gara inizierà nel Parco Musashinonomori di Tokyo e i corridori passeranno attraverso le Prefetture di Kanagawa e Yamanashi per arrivare infine al traguardo che si trova al Fuji International Speedway, nella Prefettura di Shizuoka. Il percorso non è solo lungo, ma presenta salite e discese ripide che lo rendono più difficile rispetto ai precedenti percorsi olimpici. Ci sarà un dislivello totale di 2.692 m nella gara femminile e 4.865 m nella gara maschile.

La gara maschile dovrebbe durare circa 6 ore, quindi i piloti non dovranno solo definire strategie per gestire il percorso, ma anche l’estate giapponese. La cronometro individuale vedrà i corridori partire a intervalli prestabiliti, con gli uomini che completeranno due giri del percorso di 22,1 km e le donne che ne completeranno uno.

Imprese italiane nel ciclismo alle Olimpiadi

L’Italia è la nazione che ha vinto più titoli olimpici a livello maschile a partire dal 1932 con Attilio Pavese. La serie di vittorie è poi continuata con Ercole Baldini (Melbourne ‘56), Mario Zanin (Tokyo ‘6), Pierfranco Vianelli (Città del Messico ‘68). Tra i grandi vincitori di ciclismo non si può dimenticare Fabio Casartelli, vincitore della medaglia d’oro nel ‘92, morto tre anni dopo durante una tappa del Tour de France. L’ultimo ad aver vinto l’oro è Paolo Bettini ad Atene 2004.

Per quanto riguarda il ciclismo femminile, l’Italia ha conquistato l’argento nel 1996 con Imelda Chiappa, il bronzo a Pechino 2008 con Tatiana Guderzo e sempre il bronzo con Elisa Longo Borghini a Rio 2016.

Velocisti e scalatori: caratteristiche

Velocisti e scalatori sono le due categorie estreme del mondo del ciclismo su strada. Il velocista è un ciclista che generalmente predilige gli sprint di gruppo ad altri tipi di arrivo, avendo le caratteristiche necessarie per cimentarsi al meglio in una volata. Sono richieste doti di esplosività muscolare, equilibrio nella guida del mezzo meccanico e coordinazione; generalmente un velocista puro pesa molto più di uno scalatore puro: un peso di circa 80 kg permette all’atleta di sprigionare al meglio la propria potenza in un breve lasso di tempo
stando sui pedali.

Lo scalatore invece è il corridore specializzato nelle corse e nelle tappe in salita, in particolare quando le pendenze si fanno molto ripide. Spesso per riferirsi ad uno scalatore si usa il francesismo grimpeur. Lo scalatore puro è generalmente un atleta di statura non elevata, leggero e dalla muscolatura reattiva, capace di alzarsi sui pedali e scattare in salita per distanziare i passisti, i quali di solito affrontano le tappe di montagna ad un’andatura più regolare, spesso seduti sul sellino.

I favoriti a salire sul podio sono solitamente i velocisti ma con i pendii ripidi, le lunghe salite e le alte quote del percorso di Tokyo 2020, potrebbe essere uno scalatore ad avere la meglio.

LEGGI ALTRO

FAQ

Chi ha vinto più medaglie nel ciclismo su strada?

In testa al medagliere si trova la Francia con 91, seguita a ruota dalla Gran Bretagna con 87. L'Italia si trova al terzo posto, con 59, ma vanta un numero di ori maggiore della Gran Bretagna.

Dove si gareggia nel Ciclismo su Strada?

A Tokyo la prova su strada non sarà su un circuito, ma per la prima volta sarà un percorso il linea

Chi gareggia nel Ciclismo su Strada?

Dal 1996 questa disciplina è aperta anche ai corridori professionisti.

Quanto è lungo il percorso della gara di ciclismo su strada a Tokyo 2020?

244 km per gli uomini, e di 147 km per le donne

Da quanti corridori è formata una squadra di ciclismo alle Olimpiadi?

Sia per la corsa in linea maschile sia per quella femminile le squadre sono formate da 8 corridori e 2 riserve

Quanto pesa una bicicletta di ciclismo?

La bici pesa tra i 3 e i 7 kg. Non può pesare meno di 3 kg

Medaglie assegnate Olimpiadi Tokyo 2020

Maschile
Femminile
Cronometro maschile
Primoz Roglic
Tom Dumoulin
Rohan Dennis
Gara in linea
Richard Carapaz
Wout van Aert
Tadej Pogacar
Cronometro femminile
Annemiek van Vleuten
Marlen Reusser
Anna van der Breggen
Gara in linea
Anna Kiesenhofer
Annemiek van Vleuten
Elisa Longo Borghini

OLIMPIADI TREND

,,,,,,,,,,,,,,,,
Caricamento contenuti...