SPORT
  1. Home
  2. CALCIO

Ravezzani: Ecco il limite di avere Ronaldo in squadra

Il mondo del web si divide sulla tesi del giornalista di Telelombardia

Si può avere in squadra il miglior giocatore del mondo e considerarlo una gioia ma anche un limite? La Juventus con Cristiano Ronaldo sperava di poter arrivare sul tetto d’Europa: aggiungere il fuoriclasse portoghese allo zoccolo duro che aveva raggiunto due finali di Champions e che in Italia dominava e domina da 8 anni doveva essere un’equazione matematica che avrebbe dovuto portare al trionfo su tutti i fronti ma non è andata così. La banda di ragazzi terribili dell’Ajax, sfruttando un gioco memorabile (e mandato a memoria) ha mandato in frantumi il sogno della coppa dalle grandi orecchie, riproponendo il quesito perenne: si può vincere anche giocando bene e senza campioni?

LA PROVOCAZIONE – Nel postare una fase di gioco spettacolare del ritorno tra Ajax e Juventus, con schemi chirurgici e 14 passaggi di fila dal portiere fino alla zona-tiro senza che i bianconeri riuscissero a interrompere la manovra, Ravezzani commenta su twitter: “Cr7 contempla comunque l’impossibilità di questi schemi, chiunque sia l’allenatore. Averlo in squadra significa lasciargli fare quel che vuole e giocare solo per lui”.

LE REAZIONI – Tra i follower c’è chi gli dà ragione ( “Vero…Non è nelle sue caratteristiche…al contrario di Messi che quando gioca in una squadra senza schemi come la sua nazionale non incide come nel suo Barca”), chi attacca Allegri (“Avere un allenatore sarebbe un inizio”), chi sottolinea altri aspetti: (“Ronaldo, Ronaldo. Sia benedetto” o anche: “Sicuramente nello spogliatoio comanda lui”) ma anche chi media tutto con una chiosa illuminante: “È vero, ma si può vincere tutto senza necessariamente averencerti schemi. Quello dell’Ajax non è l’unico modo per vincere, anche se è un bellissimo modo”.

SPORTEVAI | 24-04-2019 09:08

Ravezzani: Ecco il limite di avere Ronaldo in squadra Fonte: Ansa

SPORT TREND