Virgilio Sport

Basso: “Abbiamo tutte le carte in regola per attrarre investimenti”

Il general manager della Eolo-Kometa parla della mancanza di sponsor italiani nel World Tour

09-06-2023 12:06

Basso: “Abbiamo tutte le carte in regola per attrarre investimenti” Fonte: Gettyimages

Dal 30 giugno nel ciclismo di prima fascia non ci saranno più aziende italiane come sponsor. Quel giorno, infatti, c’è il ritiro della Segafredo. Tra le cause di questa situazione secondo Ivan Basso, come spiega alla Gazzetta dello Sport, ci sono l’emergenza pandemica, la guerra e “un pregiudizio legato al passato, al periodo buio che il ciclismo ha attraversato. Ora questo sport ha raggiunto una credibilità assoluta, in termini di controlli e di cambio di mentalità. Questo è un momento propizio per crescere assieme, dentro l’attuale crisi intravedo un’opportunità”.

Inoltre, continua l’ex ciclista oggi general manager del Team Eolo-Kometa, “probabilmente non siamo stati bravi a sufficienza a raccontare il vero potenziale del ciclismo”. Parlando di numeri (“increbibili”, come da lui definiti) Basso spiega che “il nostro team nel Giro 2022 ha generato un QI Media Value, cioè un valore delle sponsorizzazioni in base alle stime di Nielsen, di 11,5 milioni di euro”. Numeri ai quali affiancare anche “un discorso emozionale, milioni di persone sulle strade che esprimono passione, il bambino che sogna di indossare la maglia rosa. Abbiamo tutte le carte in regola per attrarre investimenti”.

Leggi anche:

Fatture in Cloud

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi
SERIE A:
Frosinone - Fiorentina
Monza - Bologna
Genoa - Roma

SPORT TREND

Liberati dell'amianto

Caricamento contenuti...