Virgilio Sport

Estasi Roma, i tifosi incoronano il loro Re

I tifosi giallorossi non hanno dubbi: è Mourinho l'artefice principale del successo in Europa League, lui ha portato la mentalità vincente che mancava al club

Pubblicato:

Dodici anni dopo l’Inter, una squadra italiana vince un trofeo europeo. Dopo tanto, troppo tempo: da Zanetti a Pellegrini, dalla Champions League alla neonata Conference League, da Mourinho a Mourinho. E’ sempre il portoghese a trionfare, è sempre lui ad aver ragione. Quando si arriva a questo punto, poco importa quale sia il trofeo: è importante esserci, ed è ancora più importante – ovviamente – vincerlo. Nel caso particolare della Roma, ancora di più: perché la Coppa delle Fiere del 1961 è ormai troppo lontana, e l’Anglo-Italiano del 1972 non è certo paragonabile. E, inoltre, quelle ultime due finali perse (Liverpool e Inter) rappresentavano ancora una ferita aperta per i tifosi giallorossi di età non più tenera.

Il gol di Zaniolo ha rappresentato una catarsi per il popolo giallorosso: diecimila a Tirana, 50mila all’Olimpico, milioni a casa. La Roma è tornata a vincere, è tornata ad esultare; e la speranza è che questo sia soltanto un viatico per il futuro. La finale è stata vinta con merito, resistendo alla pressione olandese nel secondo tempo, rischiando anche in qualche occasione, ma lottando su ogni pallone. E questo, alla lunga, ha fatto la differenza ed ha fatto esultare maggiormente i tifosi giallorossi.

Mourinho ritorna Special One

La frase di Stefania riassume al meglio tutto: “Che sofferenza, ma nn c’è felicità senza la sofferenza”. E Marco gode davvero: “Alla faccia dei gufi che se stanno a butta a testa in giù”. Allo stesso modo Valerio: “Cotti e sofferenti, ma vincenti”. E qualcun altro trova in Mou il principale artefice del successo, come Lep: “José Mourinho=Champion Non c’è nessuno migliore di lui alla Roma”. Federico non trattiene la gioia: “Grazie mamma che mi hai fatto romanista”. E Mai non ha dubbi; “Also Jose Mourinho is really a special one”. Anche GeoPrinny concorda: “Congratulazioni Roma, hanno rotto la siccità italiana di oltre un decennio e Mourinho ha ottenuto il triplete europeo”.

Roma, complimenti anche da altri tifosi

E i complimenti arrivano anche dai tifosi di altre squadre. come barbagobbo: “E io, gobbo, vi faccio i complimenti. Chapeau”. Stessa idea di Sanguerossonero: “Da tifoso rossonero complimenti alla Roma”. E anche Roberto si unisce: “Da interista faccio i complimenti alla Roma per questa bellissima vittoria, da italiano sono fiero di rivedere un trofeo Europeo tornare in Italia dopo 12 anni”. Anche Isabella applaude la Roma: “non sono romanista, ma vi faccio tanti complimenti!”. E Pucci aggiunge: “Meno male che qualcuno tiene alta la bandiera italiana in Europa. Complimenti alla Roma e buona festa ai romanisti. Da un milanista”.

L’esultanza al gol di Zaniolo, poi la sofferenza

Già il gol di Zaniolo aveva fatto levitare, se possibile, l’entusiasmo dei tifosi giallorossi. Spqr dice: “Se me viene un infarto lo finite di pagare voi il mutuo”. E Ratatouillle89 aveva una richiesta speciale: “Vendichiamo la barcaccia!”. Stefano invece in versione patriottica: “Non passa lo straniero”. E dopo il gol, tutti a soffrire nel secondo tempo il ritorno prepotente degli olandesi, come Pietro: “Siamo troppo lenti e regaliamo troppi palloni”. E Diana in preda di tensione estrema: “Forza ragazzi ve prego. Calma e gesso!”. E sulle due parate di Rui Patricio Claudia lancia un appello: “Forza ragazzi, con il cuore”. E ce ne hanno messo, di cuore.

Clicca qui per abbonarti e vedere tutte le gare di Serie A live su DAZN.

Estasi Roma, i tifosi incoronano il loro Re

Leggi anche:

Falkesteiner Hotel & Spa Falkesteinerhof

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Farmacia Eredi Marino Dr. Giovanni

Caricamento contenuti...