Virgilio Sport

F1 GP Austria: caos track limits, fioccano le penalità. Sainz e Hamilton perdono posizioni, il nuovo ordine d'arrivo

Classifica del Gran Premio di Austria completamente riscritta dopo il ricorso dell'Aston Martin e la revisione degli oltre 1200 track limits. Sainz beffato ancora, scivola indietro pure Hamilton

02-07-2023 22:05

Luca Fusco

Luca Fusco

Giornalista

Giornalista multimediale. Quando si accendono i motori, lui sgasa, impenna, derapa. E spesso e volentieri finisce sul podio

Incredibile coda al Gran Premio d’Austria, decima prova del Mondiale di F1 2023. L’ordine d’arrivo della gara è stato quasi completamente riscritto dalle penalità che sono arrivate in serata dopo il reclamo ufficiale della Aston Martin e la revisione della direzione corsa dei tantissimi track limits registrati durante la corsa. Ad avere la peggio Carlos Sainz, il pilota della Ferrari che aveva già pagato 5″ secondi durante la gara, e Lewis Hamilton. Vediamo nel dettaglio cosa è successo e il nuovo ordine d’arrivo.

F1, GP Austria epilogo thrilling: track limits riscrivono tutto

L’ombra dei track limits continua a imperversare sul Gran Premio d’Austria. Colpi di scena in successione dopo un week end falcidiato dalle restrizioni del tracciato tra tempi cancellati, avvertimenti e penalità. Prima il reclamo della Aston Martin, poi la comunicazione ufficiale della FIA che ha accolto la protesta del team di Alonso e Stroll e si è messa a revisionare tutte le segnalazioni di track limits, qualcosa come 1200 (!) registrate durante tutta la gara.

Queste penalità si rifletteranno sulla classifica finale” si legge nella nota della Fia. Detto fatto: a farne le spese 8 piloti che per il numero di infrazioni sommate (ogni 4 scattavano 5″ di penalità) si sono visti aggiungere altri secondi sul tempo totale. A farne le spese Carlos Sainz e Lewis Hamilton che si vedono aggiungere ben altre due penalità, quindi 10 secondi perdendo la loro posizione in classifica. Lo spagnolo della Ferrari perde il 4° posto, l’inglese della Mercedes il 6°: quindi Sainz chiude 6° ed Hamilton 8°.

GP Austria: le penalità totali inflitte post gara per track limits

La ratio utilizzata dai commissari di gara è stata questa: quattro passaggi oltre la linea bianca corrispondevano a una penalità di cinque secondi, mentre al quinto scattava una sanzione di dieci secondi. A causa dell’elevato numero di infrazioni commesse nel corso della gara, dopo aver raggiunto cinque episodi di track limit è stato applicato una sorta di azzeramento.

  • Sainz – 10 secondi
  • Hamilton – 10 secondi
  • Gasly – 10 secondi
  • Albon – 10 secondi
  • Ocon – 30 secondi
  • Sargeant – 10 secondi
  • De Vries – 15 secondi
  • Tsunoda – 5 secondi

GP Austria: il nuovo ordine d’arrivo, Sainz beffato, pure Hamilton

Piove sul bagnato per Carlos Sainz. Il pilota della Ferrari ha fatto una gran gara ma alla fine paga ancor più dazio, penalizzato dalle scelte Ferrari di strategia (se n’è pure lamentato dopo la corsa) e dai commissari che già gli avevano inflitto 5″. E che dire di Hamilton che durante la corsa si era lamentato ripetutamente dei track limits di Perez davanti a lui ed invece si becca 10 secondi oltre ai 5 già scontati in gara.

Ne beneficiano Lando Norris, Fernando Alonso e George Russell (rispettivamente quarto, quinto e settimo). Gasly perde un punto, scala dal nono al decimo posto in favore di Lance Stroll. Incredibile Ocon che ha preso qualcosa come mezzo minuto di penalità. Questo il nuovo ordine d’arrivo:

1) Max Verstappen
2) Charles Leclerc
3) Sergio Perez
4) Lando Norris
5) Fernando Alonso
6) Carlos Sainz
7) George Russell
8) Lewis Hamilton
9) Lance Stroll
10) Pierre Gasly
11) Alexander Albon
12) Zhou
13) Logan Sargeant
14) Esteban Ocon
15) Valtteri Bottas
16) Oscar Piastri
17) Nyck De Vries
18) Kevin Magnussen
19) Yuki Tsunoda

F1: come cambiano le classifiche piloti e costruttori

1. Verstappen (Ola) punti 229
2. Perez (Mes) 148
3. Alonso (Spa) 131
4. Hamilton (GB) 106
5. Sainz (Spa) 82
6. Leclerc (Mon) 72
7. Russell (GB) 72
8. Stroll (Can) 44
9. Ocon (Fra) 31
10. Norris (GB) 24

Costruttori: 1. Red Bull punti 377 2. Mercedes 178 3. Aston Martin 175 4. Ferrari 154 5. Alpine 47 6. McLaren 29 7. Haas 11 8. Alfa Romeo 9 9. Williams 7 10. AlphaTauri 2

Mondiale F1: prossima tappa, c’è subito Silverstone

Se la MotoGP è in ferie, luglio è mese intenso per la Formula 1 che dopo la Stiria farà il più classico dei back to back, già la prossima settimana si torna in pista, in una pista storica come Silverstone, con il Gran Premio di Gran Bretagna.

F1 GP Austria: caos track limits, fioccano le penalità. Sainz e Hamilton perdono posizioni, il nuovo ordine d'arrivo Fonte: Ansa

Tags:

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Non farti bloccare dalle paure

Caricamento contenuti...