Virgilio Sport

Juventus, De Laurentiis attacca subito Sarri

Il presidente del Napoli manda subito una frecciata durante la conferenza stampa.

20-06-2019 12:34

Juventus, De Laurentiis attacca subito Sarri Fonte: 123RF

Il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis non ha risparmiato qualche frecciata al neo allenatore della Juventus Maurizio Sarri. Proprio nei minuti in cui il mister toscano si presentava ai nuovi tifosi bianconeri e rispondeva alle domande dei giornalisti, il massimo dirigente dei partenopei si è espresso così: “Sarri sta sempre in tuta, urla e bestemmia, vorrei proprio capire come si adeguerà allo stile della sua nuova squadra“, le parole velenose del numero uno del club azzurro.

“La differenza tra Sarri e Ancelotti? Il primo è un uomo da stadio, da curva, uno che piace ai tifosi; Ancelotti è invece un aziendalista. Sarà ancora più bello vedere quando Ancelotti batterà la Juve sul campo. Che diranno allora i tifosi del Napoli che considerano Sarri solo un grande traditore?“, sono le parole riportate dall’Ansa.

Sarri si è espresso così sulle contestazioni da Napoli: “Non mi sento un traditore. Il giocatore che deve convivere in un ambiente lancia messaggi per convivere bene in quell’ambiente. Poi ci sono messaggi personali che dicono un’altra cosa. Io penso che nella vita ho rispettato tutti, perché ho dato sempre il 110% per la maglia per cui ho lavorato. Questo è il rispetto. Sono scelte logiche, senza romanzarci sopra. Napoli-Juve al San Paolo? Se mi applaudono al San Paolo sarà una manifestazione d’amore, se mi fischiano, sarà comunque una manifestazione d’amore“.

Il Sarrismo: “Ho letto sulla Treccani che è una filosofia calcistica e non solo. Io ho sempre vissuto e pensato così. Non è che io siccome mettono Sarrismo sulla Treccani penso a come è nato. Io sono questo, negli anni ho cambiato modo di vedere il calcio e la vita, ma spero di essere rimasto lo stesso nei concetti. Una persona diretta, forse anche troppo, che ha bisogno di sentirsi dire quello che pensano e dire quello che pensa lui. Questo porta a scontri, ma sono scontri risolvibili. L’irrisolvibile è sempre il non detto, quello che scatena i rancori. Penso che nel corso degli anni uno cambi visione, ma spero di non avere cambiato i concetti di fondo che ho sempre avuto”.

SPORTAL.IT

Tags:

Leggi anche:

Caricamento contenuti...