Virgilio Sport

Milan, Ibrahimovic suona la carica: "Torno e cambiamo la musica"

L'attaccante rossonero: "In questo periodo ho fatto di tutto per aiutare mister, staff e club da fuori".

Pubblicato:

Milan, Ibrahimovic suona la carica: "Torno e cambiamo la musica" Fonte: Getty Images

Zlatan Ibrahimovic prova caricare l’ambiente Milan, scosso da una serie di sconfitte consecutive che rischia di pregiudicare l’intera stagione. I campioni d’Italia hanno perso improvvisamente tutte le loro certezze, e guardano con speranza al ritorno dell’attaccante svedese, che dopo uno stop di 8 mesi potrebbe tornare a riassaggiare il campo in occasione del match contro il Torino.

“Sono rientrato in gruppo e mi sento libero, libero in campo e fuori. Significa che sto bene. In questo periodo ho fatto di tutto per aiutare mister, staff e club da fuori. Ho avuto pazienza perché dovevo rientrare al top, il recupero sta andando tutto secondo i piani”, ha spiegato la punta di Malmoe in un’intervista a Mediaset.

Sulla crisi che stanno vivendo gli uomini di Pioli: “Come in tutte le cose i piccoli dettagli fanno la differenza. Non è un buon periodo ma basta poco per cambiare. Se posso fare qualcosa lo faccio perché sono qui per aiutare. Adesso cambiamo la musica quando rientro”.

Anche la stella Leao è appannata: “Ha fatto un anno fantastico, ha vinto il premio del migliore giocatore del campionato. Poi il contratto, altri club che ti cercano, il Mondiale e tutto il resto. Ma lui deve restare concentrato e giocare a calcio. Tutto il resto si risolve, lui deve solo pensare a giocare”.

Il flop De Keteleare: “Ha grandi pressioni anche per il prezzo pagato, tutti hanno aspettative. È un talento, ha grande potenziale, deve solo trovare la giusta strada per crescere. Poi è in un’altra città, fuori casa e deve abituarsi. Ma quando arrivi al Milan tutti ti aiutano, ti accolgono al meglio, quando entri nel nostro spogliatoio ti senti a casa. Deve solo sbloccarsi, poi una volta che si sblocca parte tutto”.

Difesa a spada tratta di Stefano Pioli: “Sono cose normali, è l’allenatore del Milan e se le cose non vanno bene è giusto criticare l’allenatore e la squadra. Siamo professionisti e ci aspettiamo le critiche, non sono tutte rose e fiori, le critiche fanno parte del lavoro. Se non reggi le pressioni delle critiche non bisogna fare questo lavoro ma le critiche fanno parte del nostro mondo e sono utili perché ti fanno restare al top. Quando sei brutto puoi diventare bello”.

Tags:

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Liberati dell'amianto in modo sicuro

Caricamento contenuti...