,,
Virgilio Sport

Parlamento Europeo: arriva la risoluzione per sostenere gli eSports

Il Parlamento europeo ha approvato una risoluzione che riconosce il valore delle industrie degli eSport e dei videogiochi, raccomandando una strategia a lungo termine per sostenere e finanziare i settori. Potrebbe essere il primo passo verso una svolta storica dell'intero sistema.

12-11-2022 18:56

Francesco Basile

Francesco Basile

eSport Web Editor

Nato con i videogame, è già un superesperto di eSports. Ha fatto nascere diverse iniziative di settore e sa tutto, ma veramente tutto, di quello che ruota dentro e intorno al mondo dello sport virtuale. Per Virgilio Sport approfondisce e racconta l’eSport a 360 gradi con l’esperienza di un giovanissimo veterano.

Parlamento Europeo: arriva la risoluzione per sostenere gli eSports

Il Parlamento europeo ha approvato una risoluzione che riconosce il valore delle industrie degli eSport e dei videogiochi, raccomandando una strategia a lungo termine per sostenere e finanziare i settori. Potrebbe essere il primo passo verso una svolta storica dell’intero sistema.

Strategia a lungo termine

L’organo legislativo dell’Unione europea ha approvato la risoluzione per sostenere gli eSports con un vero e proprio tripudio di 560 voti a favore, 34 voti contrari e 16 astensioni. La risoluzione del Parlamento europeo riconosce il valore che gli eSport, e più in generale l’industria dei videogiochi, offrono economicamente e culturalmente in Europa. Sostiene lo sviluppo di una strategia europea a lungo termine per i videogiochi che tenga conto degli eSport e si basi sulle strategie nazionali esistenti.

La risoluzione in sé non è vincolante, ma un rappresentante della Commissione europea, l’organo esecutivo dell’UE, ha espresso l’intenzione di agire durante la sessione parlamentare. I legislatori dell’UE decideranno ora cosa e come attuare la risoluzione del Parlamento, che formerà quindi la strategia dell’UE sugli eSport e sui giochi in futuro. Mentre sono liberi di decidere come implementarlo, i legislatori tendono a seguire le proposte avanzate dal Parlamento.

Svolta storica in arrivo?

Il successo dell’approvazione della risoluzione è una grande vittoria per le industrie europee degli eSport e dei giochi, sia in termini di legittimità che finanziaria. Le imprese avranno probabilmente accesso ai finanziamenti e se davvero si riuscirà a mettere in atto una strategia elaborata e direttamente sostenuta dalla UE potrebbe trattarsi davvero di una svolta storica, con delle potenzialità per il futuro del settore incredibili.

In precedenza l’UE ha fornito solo un sostegno limitato alla produzione nazionale di videogiochi. Alcuni finanziamenti erano disponibili attraverso i programmi Europa creativa e Orizzonte Europa, ma la risoluzione stessa ha criticato questi sforzi di finanziamento esistenti come insufficienti. Il testo della risoluzione ha affermato la posizione dell’UE secondo cui gli eSport e lo sport sono settori diversi, principalmente a causa del fatto che i titoli di eSport sono di proprietà di entità private con diritti di proprietà intellettuale.

Tuttavia, riconosce il valore commerciale e il potenziale di crescita e innovazione nei settori degli eSport e dei giochi. Il testo chiede alla Commissione di sviluppare una carta per promuovere i valori europei nelle competizioni di eSport, prendere in considerazione la creazione di un visto per gli eSport a livello di Schengen e promuovere i benefici degli eSport per l’istruzione e il benessere.

Ancora molto lavoro da fare

Nepomuk Nothelfer, un ricercatore legale che è stato incaricato di condurre i rapporti sugli eSport per l’UE, ha dichiarato a Esports Insider, rivista internazionale, che il voto è stato un grande passo avanti, ma l’implementazione è stata un’altra sfida.

“La risoluzione da sola è un gigantesco riconoscimento dei giochi e degli eSport”, ha detto Nothelfer. Ma ho la sensazione che il vero lavoro inizierà dopo la risoluzione. Il più delle volte è prima della risoluzione perché ora hai un piano e puoi agire su di esso. Ma negli eSport è ancora così complicato. Ho la sensazione che le tappe successive richiederanno molto tempo”.

 

Leggi anche:

Caricamento contenuti...