,,

Virgilio Sport

Sci, l'amicizia Goggia-Vonn e il confronto generazionale Brignone-Compagnoni

Al Festival di Trento, le tre azzurre e l'americana dello sci hanno regalato spettacolo.

25-09-2022 19:51

Sci, l'amicizia Goggia-Vonn e il confronto generazionale Brignone-Compagnoni Fonte: Getty Images

Al Festival di Trento, Sofia Goggia e la Vonn hanno raccontato la loro splendida amicizia. Queste le parole dell’americana: “Quei fiori che Sofia mi donò rimangono un ricordo speciale. Sì, ci sono somiglianze tra di noi anche se, chiedendomi di Federer e Nadal, non so se possiamo paragonarci a loro. In termini di amicizia, però, certamente sì. Alle ultime Olimpiadi di Pechino, ho commentato la discesa di Sofia per la NBC ed è stato speciale. L’ho chiamata subito dopo quello che ha fatto. Un momento incredibile, quella medaglia d’argento vale davvero oro per tutto quello che c’era dietro. In pochi al mondo avrebbero potuto ottenere un risultato del genere”.

La Goggia ha speso bellissime parole per la Vonn: “Tra donne è difficile avere un’amicizia all’interno del mondo dello sci. Ci sono tante dinamiche che non si vedono dall’esterno, ci sono tensioni e io posso dire di avere amici fuori da questo sport e sono le persone a cui mi affido quando tolgo gli scarponi, ma Lindsey ha uno spessore umano incredibile, è una persona che va oltre la semplice campionessa. Non conosco nessuno con la sua caratura”.

Al Festival è stato spettacolo anche tra la Brignone e la Compagnoni. Queste le parole di Federica: “Nella mia carriera non ho mai avuto il desiderio di superarla. Ho sempre cercato di ottenere il massimo, senza pensare di abbattere i numeri, che sono fatti per essere superati. La vittoria più importante per me è stata quella di due anni fa in val di Fassa, in un periodo per me particolare dal punto di vista emotivo. Cortina 2026? Nel nostro sport si deve ragionare di stagione in stagione, quindi non posso decidere ora se parteciperò o meno tra quattro anni”.

La Compagnoni ha ricordato il suo grande passato, ironizzando: “Quello che tiene conto di tutti i numeri semmai è Alberto Tomba – ricorda con un sorriso Deborah – Contano più di tutto le emozioni e io ne ho vissute molte con il mio sport, come con le medaglie olimpiche: vincerle è il coronamento di una carriera, per te stessa e per la gente che ti segue. Cortina? Dovranno essere improntate sulla sostenibilità ambientale, sociale ed economica. Stiamo puntando molto sulle ristrutturazioni e a costruire solo lo stretto necessario, che in futuro sarà impiegato per altro uso. In questo vogliamo differenziarci dalle ultime tre Olimpiadi. Il territorio delle nostre alpi è bellissimo e va salvaguardato. L’Olimpiade è l’occasione per dimostrare che sappiamo organizzare bene un grande evento e promuovere ancora di più i nostri luoghi”.

Leggi anche:

Caricamento contenuti...