Virgilio Sport

Strage di Uvalde, il toccante discorso di Steve Kerr scuote la coscienza

Il coach dei Golden State Warriors in conferenza stampa ha espresso rabbia e frustrazione per quanto accaduto ai bambini e alle nuove insegnanti nella cittadine texana. parole dure e di dolore profondo

25-05-2022 17:58

Elisabetta D'Onofrio

Elisabetta D'Onofrio

Giornalista e content creator

Giornalista professionista dal 2007, scrive per curiosità personale e necessità: soprattutto di calcio, di sport e dei suoi protagonisti, concedendosi innocenti evasioni nell'ambito della creazione di format. Un tempo ala destra, oggi si sente a suo agio nel ruolo di libero. Cura una classifica riservata dei migliori 5 calciatori di sempre.

Continua a emozionare e a indurre a ponderare, riflettere sulla gravità del ricorso all’uso delle armi quanto affermato da Steve Kerr, coach dei Golden State Warriors, nel pre-partita di gara 4 contro i Dallas Mavericks, a poche ore di distanza dalla notizia della sparatoria di Uvalde, in Texas, nel corso della quale 19 bambini e due insegnanti hanno perso la vita nella folle sparatoria innescata da un diciottenne.

Un ragazzo che aveva assassinato, prima di uscire dalla stessa abitazione armato e iniziare una folle corsa in auto, la nonna.

Il toccante discorso di Kerr sulla strage di Uvalde

In questo discorso, Kerr pur a ridosso di una gara fondamentale che avrebbe qualificato i suoi ragazzi alle Finals, le seste in otto anni sotto la sua gestione, ha incentrato il suo discorso su quanto accaduto ad appena 400 miglia di distanza a Uvalde ed ad esprimere in maniera inequivocabile sui responsabili di questa folle politica sulle armi, imputata dal presidente Biden alla lobby delle aziende produttrici e che comunque, sul versante politico, non ha trovato alcun argine efficace.

“Sono stanco, dobbiamo agire sulle armi. Queste carneficine avvengono soltanto negli Stati Uniti”, ha detto.

Le critiche alla politica e alla lobby delle armi

Kerr non ha mai celato la sua posizione in merito a temi di estrema attualità, impegno civile in uno Stato condizionato da una linea filotrumpiana, di sostegno alla corsa alle armi e anche sopraffatta da indubbi problemi di convivenza esplosi in altrettanti episodi di violenza inaudita.

La sua morale, la sua sensibilità mostrata sono conseguenza della sua drammatica storia personale, quando perse suo padre Malcolm, 52enne all’epoca, in una sparatoria a Beirut, in Libano, dove era nato e dove aveva lavorato come professore in studi mediorientali e arabi all’Università Americana prima di diventarne presidente.

La tragedia personale di Steve Kerr

Due uomini, riconducibili poi a un gruppo di estremisti islamici che immediatamente rivendicò l’attentato, spararono alla nuca Kerr uccidendolo sul colpo proprio nel suo ufficio. Un atragedia che ha segnato la sua esistenza, disegnando i confini entro cui muovere le parole dettate oggi da una coscienza e da un vissuto che non sono comprensibili da quanti hanno patito le conseguienze della violenza, qualunque fosse la presunta matrice.

Strage di Uvalde, il toccante discorso di Steve Kerr scuote la coscienza Fonte: ANSA

Tags:

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Etichette per la tua azienda?

Caricamento contenuti...