,,
Virgilio Sport SPORT

Super Morbidelli, la storia di un predestinato

Nel suo cuore, due bandiere: quella tricolore dell'Italia, soprattutto, ma anche quella verdeoro del Brasile.

E’ una storia da raccontare quella di Franco Morbidelli, laureatosi campione del mondo a Sepang in Moto2. Nel suo cuore, due bandiere: quella tricolore dell’Italia, soprattutto, ma anche quella verdeoro del Brasile, i Paesi dei suoi genitori.

Ne ha fatta tanta di strada il “Morbido” per arrivare a questo incredibile traguardo. Nato a Roma 23 anni fa, ha passato i primi 10 anni della sua vita in Brasile, terra natìa di sua madre. Fin da subito si è capito che fosse un predestinato. Già a due anni Franco aveva ricevuto da suo padre Livio (già vice-campione italiano nelle classi 80 e 125 e purtroppo scomparso nel 2013) la prima minimoto, suggellando così quell’amore per le due ruote che lo avrebbe portato a raggiungere sin da subito grandi traguardi. A 10 anni eccolo tornare in Italia, non in una città qualunque ma a Pesaro, terra di piste da corsa e piloti leggendari e, soprattutto, a pochi passi da Tavullia, il regno del suo mentore, Valentino Rossi. A 15 anni il talento di Morbidelli emerge nel campionato europeo Stock 600 dove, nel 2013, si laurea campione.

Nel medesimo anno esordisce nel Mondiale delle  Moto2, dove corre nei Gran Premi di San Marino, Giappone e Comunità Valenciana sulla Suter MMX2 del team Gresini Racing. Tutti gli addetti ai lavori si accorgono subito di quel ragazzo tanto ricciolo quanto simpatico e con la passione per la musica di Seu Jorge e così, già l’anno dopo, Franco diventa pilota titolare nel team Italtrans Racing, correndo con la Kalex Moto2: la stagione di Morbidelli si conclude con un ottimo 11º con 75 punti.

Dopo un bruttissimo infortunio a tibia e perone, procuratasi facendo Enduro, eccolo approdare al team Marc VDS. Dopo l’ottimo quarto posto nella sua prima stagione, in questa stagione parte subito con il botto, vincendo le prime tre gare stagionali e diventando così il primo pilota a vincere le prime 3 gare nella Moto2 dopo 16 anni (l’ultimo fu il povero Daijiro Kato). Il prossimo anno salirà di gradino, approdando in MotoGp: Morbidelli si presenterà da campione del mondo.

SPORTAL.IT | 29-10-2017 08:30

Super Morbidelli, la storia di un predestinato Fonte: Getty Images

Tags:

Leggi anche:

,,,,,,,,,,,,,,,
Caricamento contenuti...