Virgilio Sport

Torino, Juric: "Esordio? Sono curioso di vedere la squadra"

Grande attesa per vedere il nuovo Torino di Ivan Juric, dove spera di replicare le belle cose fatte vedere con l'Hellas Verona.

Pubblicato:

Torino, Juric: "Esordio? Sono curioso di vedere la squadra" Fonte: Getty Images

Domani alle 20:45 andrà in scena Torino-Atalanta, esordio in Serie A per entrambe le squadre. Juric, che ha lasciato l’Hellas Verona dopo aver compiuto un vero miracolo con la compagine veneta, presenta così la sfida di domani:

“L’Atalanta è una squadra ormai diventata grande, che sa esattamente quello che vuole. Hanno una buona conoscenza del gioco e hanno giocatori che giocano insieme e sono uniti. La società è brava a riconoscere la bravura dei propri profili e la squadra presenta un gioco consolidato, hanno lo stesso allenatore. Ormai sono diventati una grande squadra […] Il mio esordio con il Toro? Sono curioso di vedere la squadra, sono sereno in questo momento. Poi vedremo dopo… Noi siamo un cantiere aperto in questo momento. Non conosciamo ancora i nostri deboli ed i nostri punti di forza. Vedo tanta applicazione soprattutto per cambiare un po’ l’andazzo degli ultimi anni, ma anche alti e bassi. La voglia di cambiare, di fare un calcio diverso e più propositivo non manca. In questo momento non ho chiarezza e certezze che potrei avere fra un po’ di tempo”.

Il Torino ha perso due delle ultime tre gare contro l’Atalanta in Serie A, incluso lo 0-7 casalingo del gennaio 2020, la sconfitta interna più larga nella storia dei granata in Serie A – al pari di Torino-Milan 0-7 nel 2021.

In seguito un commento più approfondito sull’Atalanta come prima avversaria e su Gasperini, suo mentore ai tempi di quanto Juric giocava nel Genoa:

“”L’Atalanta come prima avversaria? Va bene così. Sono proprio curioso di vedere i miei ragazzi contro una delle squadre più forti, che come modo di giocare ricorda il nostro. Noi siamo su quella squadra, vogliamo aggredire e dominare, giocare un calcio dinamico, europeo. Sarà una bella sfida vedere dove siamo, a che punto siamo e cosa ci possiamo aspettare […] Il segreto del successo di Gasperini? Sicuramente il lavoro. Quando vuole una cosa, sa benissimo cosa serve per ottenerla. Sa di che cosa ha bisogno la squadra, che tipo di giocatori servono, e va dritto per dritto, fa di tutto per ottenere quello che vuole, perché sa che è la cosa giusta rispetto ad altri che la considerano opinabile. Questa è la sua grande forza e gli ha permesso di costruire questa Atalanta con queste basi. Cosa dirò ai miei prima della gara? L’ispirazione mi viene sul momento, la prendo dai fatti. Magari domani succede qualcosa e ne prendo esempio”.

Infine un commento sui singola, cominciando da Andrea Belotti:

“Se tutto va bene e lavora con la voglia che ha esternato da quando è arrivato, Belotti starà bene dopo la sosta. Adesso è in un momento dove lavora tanto. Con il problema alla caviglia, ha saltato tre giorni. Penso che vedremo il vero Belotti più avanti. Vederlo in coppia con Sanabria? Io preferisco un solo attaccante davanti. Ogni tanto se ne possono mettere due però dipende. Come caratteristiche tutti e tre gli attaccanti che abbiamo sono prime punte e non è il massimo”. Su Izzo: “Ha avuto solo un po’ di fastidi che sono normali in questo periodo. L’altro giorno si è allenato al completo e può giocare novanta minuti contro l’Atalanta”.

Su Aina e Singo: “Sono due giocatori con grandissime caratteristiche che sono a livello basso su altre cose. Hanno margini di miglioramento impressionanti. Se si mettono a lavorare possono diventare ottimi giocatori, molto importanti. Hanno doti fisiche molto importanti e sono due ragazzi che hanno tanta voglia di imparare”.

 

Tags:

Leggi anche:

Club Med

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Liberati dell'amianto in modo sicuro

Caricamento contenuti...