Virgilio Sport

Wimbledon, Vagnozzi indica la strada a Sinner

L'allenatore dell'Azzurro: "L'obiettivo sono le ATP Finals da titolari, Londra è parte del percorso. Il tennis è una sorta di maratona".

29-06-2023 19:36

Wimbledon, Vagnozzi indica la strada a Sinner Fonte: Getty Images

Non è facile il ruolo del coach in uno sport così ‘singolare’ come il tennis e questo è l’oggetto della chiacchierata che Simone Vagnozzi ha concesso a ‘La Repubblica’, che va al di là di Wimbledon e del sorteggio che domani definirà il cammino del ragazzo di San Candido: “Non siginifica essere pessimista, ma tenere presente l’obiettivo che ci siamo posti a inizio anno: dobbiamo centrare le Finals di Torino come ‘titolari’ e non come ‘riserve’, fare quindi un salto in avanti rispetto a due anni fa. Chiaro che servono sempre i risultati, ma ci immaginiamo nel mezzo del nostro cammino: Jannik deve ampliare il proprio bagaglio, il tennis è una sorta di maratona, se paragonato all’atletica, non una gara sprint”.

E’ fatto di equilibrio, più che di tecnica, la relazione con un ‘diamante’ come Sinner: “Ogni atleta è un mondo a sé, non c’è un metodo assoluto che vada bene quindi per Jannik; serve creatività, perciò credo che allenare sia una specie di arte e non qualche cosa che si possa insegnare. Un coach ama aiutare gli altri, deve avere il giusto altruismo: ero un tennista medio, senza mezzi fisici importanti; per essere competitivo dovevo usare intelligenza e appunto inventiva, leggere meglio il gioco rispetto all’avversario in campo. Non mi sento un guru, ma un allenatore di tennis che ha una difficoltà: dire a un atleta quello che non ci piace di lui, e l’atleta è il tuo datore di lavoro. Così ho fatto con Jannik, man mano abbiamo preso confidenza e cercato l’equilibrio tra i risultati e il percorso: lui fa molte domande e talora pone dubbi, sa che deve essere un giocatore migliore; io sono onesto e lui deve avere fiducia”.

Inedita la collaborazione a tre con Cahill: “Condividere un giocatore con un altro allenatore è una novità anche per me: Cahill ha ottenuto giocatori importanti e ottenuti risultati, molte cose le vediamo nella stessa maniera, ma serve nel complesso la giusta dose di elasticità ; fare un passo indietro, o dire la parola giusta, o intervenire al momento giusto. Il problema culturale odierno è ritenere che se a vent’anni non sei da Top – 10 hai fallito, ma nel tennis non vince chi fa il punto più spettacolare, ma chi ne accumula di più”.

Tags:

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi
SERIE A:
Sassuolo - Napoli
Inter - Atalanta
SERIE B:
Venezia - Cittadella
Pisa - Modena

SPORT TREND

Etichette per la tua azienda?

Caricamento contenuti...