Virgilio Sport

Boxe, malore per Tyson sul volo Miami-LA: vertigini e nausea a causa dell'ulcera. Il match con Paul torna a rischio?

Mike Tyson è stato vittima di forti vertigini e nausee su un volo di linea in arrivo a Los Angeles, probabilmente a causa del riacutizzarsi di un'ulcera. Tanta paura ma pericolo scampato

Pubblicato:

Roberto Barbacci

Roberto Barbacci

Giornalista

Giornalista (pubblicista) sportivo a tutto campo, è il tuttologo di Virgilio Sport. Provate a chiedergli di boxe, di scherma, di volley o di curling: ve ne farà innamorare

Se l’è vista davvero brutta Mike Tyson, costretto a chiedere l’intervento dei paramedici durante un volo che l’ha portato da Miami a Los Angeles. Proprio nella parte finale della tratta, l’ex campione del mondo dei pesi massimi ha cominciato ad accusare forti nausee e vertigini, probabilmente a casa di un’ulcera che ha provocato un improvviso malessere. Per fortuna di Iron Mike, tutto si è risolto nel giro di pochi minuti: non appena l’aereo è atterrato sulla pista californiana, una squadra era già pronta per salire a bordo e prestare le cure del caso.

La ricostruzione: il malessere e la squadra pronta sulla pista

Lo spavento però è stato grande, anche perché Tyson non aveva mai sofferto di simili sintomi in tutta la sua vita. Alcuni testimoni che erano presenti sul volo diretto a Los Angeles hanno però raccontato di aver notato quanto il pugile fosse insofferente nella parte conclusiva del viaggio. Anche il comandante di bordo è stato immediatamente informato del malessere dell’atleta, tanto che sugli schermi di tutti i passeggeri è comparso un messaggio che chiedeva se ci fossero medici disponibili a prestare i primi soccorsi.

Tyson è stato subito posto in condizioni di sicurezza, poi una volta che i medici hanno potuto raggiungere il velivolo lo hanno sottoposto ai primi accertamenti, stabilizzando prontamente il quadro clinico. Tanto che l’allarme è rientrato in fretta e Iron Mike è sceso dall’aereo sulle proprie gambe, seppur visibilmente sofferente.

Il match con Paul e i timori di colleghi e addetti ai lavori

Quanto accaduto ha riacceso i riflettori sulle reali condizioni di Tyson, che a detta di molti suoi colleghi e addetti ai lavori farebbe bene a lasciar perdere con il proposito di tornare a combattere. Il prossimo 20 luglio ad Arlington, in Texas, è in programma un match esibizione contro lo youtuber Jake Paul, che invero tanto esibizione rischia di non essere, dal momento che la commissione locale avrebbe acconsentito a elevarlo al rango di match ufficiale (Tyson non combatte un match professionistico dal 2005 e il prossimo 30 giugno compirà 58 anni).

Negli ultimi tempi Mike s’è presentato spesso sui social mostrando l’ingente mole di lavoro svolta in allenamento, deciso a presentarsi tirato a lucido per la sfida contro Paul, di 30 anni più giovane. Chiaro però che questo nuovo contrattempo ha alimentato nuovi dubbi sulle reali possibilità che Tyson possa essere adatto a un combattimento del genere, pensando al fatto che Paul ha all’attivo una decina di match contro avversari più giovani di quello che dovrà andare ad affrontare.

Tyson peraltro neanche due anni fa era stato costretto per qualche giorno a muoversi su una sedia a rotelle per via dei forti dolori dovuti alla sciatica. Una vita sempre sul filo del rasoio che oggi rischia di presentargli un conto piuttosto salato. Ma Mike, che dice di combattere “per volere di Dio”, difficilmente verrà dissuaso dal suo intento.

Tags:

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Liberati dell'amianto in modo sicuro

Caricamento contenuti...