Virgilio Sport

Cile, violenza sugli spalti, fiamme allo stadio: gara sospesa e rovinata festa Vidal

Vittoria e gol dell'ex Inter che passano inevitabilmente in secondo piano dinanzi agli scontri registrati in occasione della Supercoppa cilena

12-02-2024 11:53

Pietro De Conciliis

Pietro De Conciliis

Giornalista

Giornalista pubblicista e speaker radiofonico, per Virgilio Sport si occupa di calcio con uno sguardo attento e competente sui campionati di Serie B e Serie C

La Supercoppa cilena 2024 macchiata dai feroci scontri tra un gruppo di facinorosi e le forze dell’ordine all’interno dell’Estadio Nacional, che ha ospitato la finale tra il Colo Colo di Arturo Vidal e l’Huachipato. Passano così in secondo piano la vittoria (non ancora ratificata perchè la gara è stata sospesa) e il gol dell’ex Inter e Juventus, con il Colo Colo costretto a rinviare i festeggiamenti di rito per via dei disordini che hanno caratterizzato una giornata davvero triste per il calcio sudamericano.

Scontri Supercoppa cilena, cosa è successo

Alta tensione all’Estadio Nacional. Prima, durante e dopo la partita che mette in palio la Supercoppa cilena. Incredibile quanto successo a ridosso della pista d’atletica dell’impianto sportivo, dove alcuni tifosi del Colo Colo si sono riservati per entrare in contatto con la polizia e provocare la sospensione della gara.

Vano il tentativo di Vidal di calmare il gruppo di facinorosi, di fede bianconera, che hanno finito per devastare anche il monumento dedicato ai “detenuti scomparsi”, nella zona adiacente al settore “Nord” dello stadio. Una volta scavalcate le recensioni, l’invasione è stata inevitabile, con la polizia anti-sommossa che si è disposta a protezione del recinto di gioco, respingendo i violenti con manganellate e lacrimogeni.

Supercoppa cilena, il Colo Colo vince ma non festeggia

Sul campo, tra mille difficoltà e una prima sospensione decretata dal direttore di gara, Arturo Vidal e compagni sono riusciti a mettere subito le cose in chiaro, dimostrando di essere superiori all’Huachipato sotto il profilo tecnico. All’11’, Colo Colo in vantaggio grazie al colpo di testa di Palacios, che ha sfruttato una bellissima combinazione sull’asse Vidal-Zavala.

Pochi minuti più tardi, intervento del Var per un fallo di Loyola su Moya all’interno dei 16 metri dell’Huachipato e calcio di rigore in favore del Colo Colo. Pallone affidato proprio ad Arturo Vidal, che si incarica della battuta e non sbaglia, spiazzando l’estremo difensore avversario con il destro. Specialista già ai tempi della Juventus, non ha fallito la missione, realizzando il gol del 2-0.

Partita sospesa e poi definitivamente interrotta

La Supercoppa cilena da allora ha vissuto 29 minuti di terrore. Una pausa lunga quasi mezzora, che ha consentito alle forze dell’ordine di “tamponare” gli scontri in Curva Nord e il tentativo di invasione dei supporters violenti del Colo Colo, che hanno letteralmente sconvolto l’ambiente circostante mentre è stato anche appiccato un pericolosissimo fuoco sugli spalti. Dagli scontri in curva all’invasione della pista d’atletica, che ha portato l’arbitro Cabero a sospendere definitivamente il match, a pochi minuti dal triplice fischio.

Non sembrerebbe a rischio l’esito finale della Supercoppa cilena, con il Colo Colo che potrebbe presto alzare al cielo un altro trofeo. Di sicuro, però, la formazione di Arturo Vidal rischia di giocare numerose partite a porte chiuse e senza il tifo organizzato bianconero.

Tags:

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Liberati dell'amianto in modo sicuro

Caricamento contenuti...