Virgilio Sport

Diego Nargiso svela chi sarà migliore tra Sinner e Alcaraz

"Cambiando allenatore, Sinner sta anche cambiando modo di giocare"

Pubblicato:

Diego Nargiso svela chi sarà migliore tra Sinner e Alcaraz Fonte: Getty images

Diego Nargiso, ex tennista di alto livello e vincitore di Wimbledon juniores ha senza dubbio voce in capitolo per descrivere la situazione che si sta creando intorno ai due nuovi talenti del tennis moderno: l’italiano Jannik Sinner e lo spgnaolo Carlos Alcaraz.

Entrambi i tennisti sono in via di affinamento. La loro crescita negli ultimi mesi e soprattutto per tutto il 2021 è stata davvero esponenziale. A volte predomina l’azzurro, certe volte sembra più in palla lo spagnolo. Questione di esperienza, di crescita appunto, di maturazione.

L’ex tennista italiano si sofferma però su quanto fatto dall’altoatesino, soprattutto nell’ultimo torneo ancora in atto, a Wimbledon. Nonostante l’eliminazione, Jannik si porta a casa un bagaglio di esperienza importante: il suo miglioramento sull’erba è oggettivo e cosa ancora più importante la consapevolezza di potersela giocare contro chiunque e cosa debba fare per arrivare al livello più alto.

“Cambiando allenatore, Sinner sta anche cambiando modo di giocare. La variazione più evidente per ora riguarda la transizione in avanti: si sta trasformando da giocatore orizzontale a verticale. A volte parte ancora da dietro, ma è subito pronto a guadagnare la riga di fondo e ad avanzare verso la rete quando riesce a prepararsi un buon attacco. Probabilmente non diventerà mai un grande battitore, ma sul servizio è decisamente più continuo“.

Chiaramente non è tutto rose e fiori: ci sono alcuni aspetti che Nargiso evidenzia e che secondo lui, andrebbero migliorati, come evidenzia il ko contro Djokovic.

“Penso che nella battuta può usure di più la soluzione al corpo e in risposta giocare anche colpi bloccati. La mano, per il gioco a rete, si può certamente educare, ma conta di più tutto l’insieme: quando attaccare, come posizionarsi sotto rete e quale tipo di volée giocare. Ecco perchè, come anticipavo prima, il fatto di aver cambiato allenatore e puntato su Cahill si giustifica soprattutto per questo aspetto“.

Il futuro di SInner? L’ex tennista azzurro di Coppa Davis è molto chiaro: “Servono ancora almeno un paio di anni per completare la maturazione decisiva, sotto il profilo caratteriale e tecnico anche se gente come Federer, Djokovic e Nadal, che sono mostri sacri del tennis, ci insegnano che non c’è un limite d’età per migliorare. Sono convinto che al termine del suo percorso Jannik sarà più forte di Alcaraz, che è già un giocatore completissimo, ma con pochi margini di miglioramento“.

Leggi anche:

Falkensteiner Hotel & Spa Jesolo

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Farmacia Eredi Marino Dr. Giovanni

Caricamento contenuti...