Virgilio Sport

Europei 2022, disastro Italia: ko col Belgio ed eliminazione

Niente da fare per le Azzurre, costrette a dire addio alla manifestazione già dopo la fase a gironi: fatale la sconfitta per 1-0 contro il Belgio

Pubblicato:

Un Europeo nato male, con il pesante 5-1 subito contro la Francia, e proseguito peggio. O meglio: un prosieguo oltre la fase a gironi – com’era lecito attendersi – non c’è proprio stato purtroppo per l’Italia, che nella terza partita del gruppo D perde di misura 1-0 contro un Belgio tremendamente cinico. Le avversarie si qualificano così ai quarti di finale, a scapito proprio delle Azzurre di Milena Bertolini. Il tutto mentre la Francia, già qualificata e certa del primo posto, fa il proprio dovere, almeno in parte, pareggiando contro l’Islanda: all’Italia sarebbe bastato vincere per avanzare.

Italia – Belgio: la sintesi in breve del match

Qualche brivido in avvio di gara per le Azzurre, che perdono palla con Linari in fase di impostazione e regalano una ghiotta chance a Eurlings, che spedisce alto di un soffio sopra la traversa della porta difesa da Giuliani. Poi l’Italia cresce, senza tuttavia riuscire a concretizzare. Giugliano prova a rendersi pericolosa in un paio di occasioni, ma è Bonansea ad avere sul destro l’occasione più ghiotta: il suo diagonale viene però deviato impercettibilmente – ma in maniera probabilmente decisiva – dall’estremo difensore belga Evrard, reattiva nella circostanza. Punteggio dunque bloccato sullo 0-0, all’intervallo.

A inizio ripresa, però, la doccia fredda: al 49′ il Belgio passa in vantaggio su sviluppo di calcio di punizione, con la palla che arriva sul sinistro di De Caigny, brava a battere Giuliani con un tiro imprendibile, indirizzato all’angolino. La reazione dell’Italia è tanto immediata, quanto sfortunata: al 52′ Girelli riceve al limite dell’area e calcia di prima a giro. Un tiro ‘alla Del Piero’, fin troppo bello e preciso, dato che s’infrange sulla parte inferiore della traversa, rimbalzando appena fuori dalla linea di porta. Sfortunatissima, la numero 10 della Nazionale italiana. Le Azzurre provano a riproporsi con grande generosità in altre occasioni: la subentrata Giacinti sfiora il palo al 78′,

Italia fuori dall’Europeo: una prima analisi a caldo

Un risultato, l’eliminazione ai gironi all’Europeo 2022, che lascia grande rammarico per la squadra allenata da Milena Bertolini. Una delusione che cozza, soprattutto, con le belle prestazioni di soli 3 anni fa al Mondiale francese. I quarti di finale raggiunti nel 2019 avevano dato finalmente risalto a un movimento che, stando al verdetto del campo, esce nettamente ridimensionato da questo Europeo. Perché non si può parlare solamente di sfortuna, o di episodi, per quanto questi siano decisivi ai fini del risultato. L’Italia ha fatto fatica a imporsi per gioco e identità nelle gare disputate contro Islanda e appunto Belgio, mentre con la Francia non c’è mai stata veramente partita.

Non si tratta e non si vuole assolutamente fare un processo alle giocatrici o al CT Bertolini, perché ci hanno provato con tutte loro stesse. Il discorso verte prevalentemente intorno al progetto calcio femminile italiano, che dal primo luglio è entrato ufficialmente a far parte del professionismo e sta ottenendo gradualmente maggiore considerazione, entrando nelle case di tutti gli italiani. Tuttavia, serve investire ancora di più, a partire dalle scuole calcio, per arrivare a un livello che oggi – né per la Nazionale maschile né per quella femminile – non rende onore all’Italia.

Italia eliminata: il commento del CT Bertolini

Milena Bertolini ha invece commentato così – ai microfoni di Sky Sport – la cocente eliminazione da Euro 2022 delle sue ragazze: “Sapevamo che l’Europeo è una manifestazione più difficile del Mondiale, così come sapevamo che il girone era equilibrato, Francia a parte. La prima gara, con i cinque gol presi, ha condizionato il resto del percorso, soprattutto a livello di tranquillità. Anche oggi siamo state bloccate all’inizio, poi abbiamo creato gioco, ma senza quella serenità che sarebbe servita per concretizzare come dovevamo. Le aspettative erano altissime, forse anche eccessive perché non dobbiamo dimenticare che al Mondiale abbiamo fatto qualcosa di straordinario, siamo andate oltre, con le ragazze che hanno dato il 150%. Personalmente so qual è il valore di questa squadra: avremmo potuto fare di più, ma ripeto: le aspettative erano superiori al valore del nostro calcio. Che sta sì crescendo, ma non è ancora al top“.

Sul finale, la domanda circa il suo futuro: resterà in panchina alla guida delle Azzurre? La sua risposta: “Penso proprio di sì, il mio contratto scade dopo il Mondiale del prossimo anno”.

Leggi anche:

Falkesteiner Hotel & Spa Falkesteinerhof

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Farmacia Eredi Marino Dr. Giovanni

Caricamento contenuti...