Virgilio Sport

Il ritorno al passato non convince, tifosi Milan scatenati

Sui social commenti polemici dopo gli ultimi rumours di mercato

10-01-2020 09:08

Il ritorno al passato non convince, tifosi Milan scatenati Fonte: Ansa

Fino a pochi giorni fa il suo futuro sembrava già scritto: in Inghilterra ad allenare il Manchester United o al City al posto di Guardiola, per quell’esperienza inglese che da sempre desidera. Oggi però il nome di Allegri viene prepotentemente accostato alla panchina del Milan che sarà, quello della ricostruzione. Un’ipotesi che però non convince più di tanto i tifosi rossoneri.

LE REAZIONI – Il ritorno dell’ultimo tecnico che ha vinto lo scudetto con il Milan non scalda i cuori oltre ad essere un’ipotesi che viene presa con le pinze.

LA SOLUZIONE – Nel commentare la notizia sui social anche i tifosi della Juve si inseriscono, in particolare coloro che non hanno mai amato l’allenatore livornese: “Allegri è solo un Mourinho più scarso…o siamo li. Va solo dove può vincere e si possono spendere milioni per comprare giocatori che mettono in secondo piano il suo non gioco” ma anche: “Allegri ha dimostrato allenando la Juventus di essere un allenatore di levatura mondiale. Sarebbe ridicolo pensare che possa accettare di allenare il Milan”.

RIPARTIRE – I fan rossoneri sono scettici: “Con una rosa non adeguata al campionato italiano non credo che la soluzione sia Allegri”  o anche: “Secondo me Allegri potrebbe scegliere il Milan solo dopo benedizione dell’ex dirigenza… Altrimenti va al Monza”.

SCETTICISMO – C’è chi scrive: “Basta minestre riscaldate. Basta!! Se nuovo corso deve essere, nuovo corso SIA. Ma abbiate il coraggio di investire su persone nuove, ma soprattutto IDEE NUOVE. Bisogna aspettare un paio d’anni? Ok MA SIAMO INNOVATIVI COME LA NOSTRA STORIA” oppure: “Forse il migliore a gestire.. ma per ripartire non me lo vedo proprio”.

LE ALTERNATIVE – La maggioranza dei rossoneri ha altre preferenze: “Per ripartire non lo ritengo l’ideale anzi. È troppo gestore e troppo aziendalista…ci serve un Conte o uno Spalletti” e infine ci sono i pessimisti cronici: “Sperando a giugno di non essere in B”.

Tags:

Leggi anche:

Caricamento contenuti...