,,
Virgilio Sport SPORT

Inno Napoli-Juve: Non bastano le scuse, bufera su Sylvestre

Social scatenati e c'è chi parla di razzismo al contrario

L’imbarazzo prima di Napoli-Juventus è stato forte, amplificato anche dall’assenza del pubblico (quello virtuale non fa rumore). Era stato chiamato una star di Amici, l’americano di Los Angeles Sylvestre a cantare l’inno di Mameli prima della finale di coppa Italia ma la sua esibizione si è rivelata un flop con tanto di polemiche per i connotati politici del suo gesto finale. Al momento di intonare “Le porga la chioma” il cantante sbaglia l’attacco e, dopo un attimo di esitazione, riprende a cantare. Alla fine del suo intervento, il cantante ha alzato il pugno al cielo urlando “No Justice No Peace”, unendosi idealmente al movimento Black Lives Matter che ha scatenato le reazioni di tutto il mondo dopo la morte di George Floyd.

Sylvestre si scusa e spiega perché si è emozionato

Subito dopo l’esibizione Sylvestre ha scritto su Instagram: “Ho appena finito di cantare sono emozionatissimo, l’emozione era molto grande, ma dai, grazie”. Quando però si è reso conto della valanga di critiche che gli stavano piovendo sul capo ha aggiunto: “È stata una serata molto emozionante, non sono mai stato così emozionato neanche quando sono stato ad Amici o a Sanremo. Sentire questo eco così forte, in uno stadio così vuoto mi ha fatto bloccare. Mi è venuta una tristezza molto forte, queste cose qui mi bloccano, perché mi coinvolge tanto. Vedere un palco così vuoto è un peccato solo questo”.

Sui social nessuno fa sconti a Sylvestre

Le polemiche, partite ieri sera dopo Napoli-Juventus, non si sono ancora placate sui social: “Già ad Amici si era notato come questo Sylvestre non fosse una cima (già in Italia da anni non sapeva una parola in italiano). Ieri sera lo ha confermato. E non erano cime quelli che lo hanno incaricato di cantare l’inno italiano, lui che italiano non è” o anche: “Se a fare quella figura penosa fosse stato un bianco, i media l’avrebbero ridicolizzato e massacrato. Ma siccome è nero, poverino si è emozionato. In questa carità pelosa io ci vedo un razzismo infinito”

L’ironia dei fan sul web per l’inno di Sylvestre

C’è chi ironizza: “Sylvestre ha dimenticato le parole dell’inno italiano. Esattamente come tutti i giocatori che indossano la maglia della nazionale italiana” o anche: “Sbagliare l’inno nazionale alla finale di Coppa Italia è come se il Papa dimenticasse il Pater Noster la Notte di Natale” o ancora: “La prossima volta conviene che Sarri canti l’inno e Sylvestre alleni la Juve. Farebbero entrambi meglio”.

La polemica su Sylvestre diventa politica

Un utente osserva: “Domanda serale: la Fifa vieta qualunque riferimento politico durante le partite ufficiali. Come è possibile che al momento dell’inno, si tolleri un momento di propaganda politica di questo calibro?” ed anche Libero Quotidiano affonda con un titolo forte: “Non sa l’inno, lo canta perché è nero” e all’interno Alberto Busacca scrive: “Di questi tempi la tentazione di far cantare l’inno a un ragazzo di colore dev’essere stata irresistibile. Perché anche il calcio, come si dice spesso, deve “scendere in campo contro il razzismo”. Purtroppo, però,il risultato non è stato quello sperato”.

SPORTEVAI | 18-06-2020 09:41

Inno Napoli-Juve: Non bastano le scuse, bufera su Sylvestre Fonte: Ansa

Tags:

Leggi anche:

,,,,,,,,,,,,,,,
Caricamento contenuti...