Virgilio Sport

Mondiali, Hakim Ziyech, il talento che fa sognare il Marocco (e il Milan)

Il trequartista del Chelsea incanta in Qatar: la sua prestazione con la maglia del Marocco contro il Belgio fa riaccendere anche le voci di mercato in chiave rossonera

28-11-2022 12:00

Gerry Capasso

Gerry Capasso

Giornalista

Giornalista con una passione sfrenata per gli Sport Usa, di cui è esperto conoscitore. Ma su Virgilio Sport è un osservatore del pallone nostrano e delle sue baruffe quotidiane. Appassionato di musica, ha sviluppato orecchio anche per borbottii degli spogliatoi, mugugni dei tifosi e voci di mercato

Hakim Ziyech, talento cristallino, classe innata ed anche qualche momento di pausa. Il trequartista del Marocco si prende le luci della ribalta, è sua la firma sulla vittoria che i nordafricani hanno messo a segno contro la favorita Belgio. Una prova sontuosa che certifica ancora una volta tutto il talento del calciatore del Chelsea, un po’ discontinuo forse, ma che quando è in giornata ha colpi che fanno stropicciare gli occhi.

Hakim Ziyech: il talento “olandese” del Marocco

Non è stata un’infanzia semplicissima quella di Hakim Ziyech, il più piccolo di una famiglia con 10 figli (cinque fratelli e 4 sorelle più grandi di lui). Il pallone è incollato ai piedi già da bambino anche se a 10 anni deve fare i conti con una tragedia quando torna a casa e trova il papà morto. Il calcio diventa così il suo rifugio e aiutato da un grande talento. Il suo percorso nelle giovanili lo fa con la maglia dell’Heerenveen con cui fa il suo esordio da professionista nel 2012 in Europa League. L’anno successivo trova continuità con la maglia biancoblù e in panchina c’è Marco Van Basten. Il rapporto con l’ex attaccante del Milan non è idilliaco nonostante gli 11 gol in 36 partite a soli 20 anni e Van Basten lo manda spesso a giocare con la squadra riserve.

Hakim Ziyech: il Twente e poi l’esplosione all’Ajax

Nel 2014 dopo l’inizio di campionato all’Heerenveen, arriva il passaggio al Twente dove giocherà per tre stagioni con 68 presenze e 30 gol. Nel 2016 ovviamente arriva il passaggio quasi obbligato all’Ajax dove trova subito un ruolo centrale. Su di lui ci sono le attenzioni di tutti i club europei, ripetuti i tentativi anche di alcune squadre italiane, ed alla Roma in particolare. Ma lui decide di rimanere in Olanda fino al 2020 quando non può dire di no alla proposta del Chelsea che lo acquista per 40 milioni di euro più bonus. Dopo un primo campionato positivo, per lui cominciano a chiudersi gli spazi con la maglia dei Blues, solo 51 presenze e 6 gol a Londra. E da qualche tempo si parla con insistenza della possibilità di cambiare aria.

Hakim Ziyech: il rapporto complicato con la maglia del Marocco

Nonostante le attenzioni della nazionale olandese con cui fa la trafila delle giovanili giocando per l’Under19, l’Under20 e l’Under21: Ziyech sceglie la maglia del Marocco. Una decisione che il solito Van Basten dimostrerà di non apprezzare: “Decisione stupida da parte di una persona stupida”, dirà l’ex Milan. E anche il rapporto con il Marocco è spesso burrascoso. Nel 2017 Hervè Renard (ai Mondiali sulla panchina dell’Arabia Saudita) lo esclude dalla Coppa d’Africa per un comportamento non consono in allenamento. Nel 2021 scoppia un altro caso: Hakim parte dalla panchina contro il Ghana e quando il ct Halilhodzic lo invita a scaldarsi si rifiuta di farlo, aprendo un vero e proprio caso. Ancor una volta per lui niente Coppa d’Africa nel 2022. L’arrivo in panchina di Regragui che diventa ct poco prima del Qatar e decide di perdonare Ziyech che ora sta facendo di tutto per trascinare il Marocco più avanti possibile nella manifestazione iridata.

Hakim Ziyech: le voci di mercato sul Milan

Il nome di Ziyech è stato spesso chiacchierato negli ultimi mesi. Il poco spazio al Chelsea lo rende un giocatore appetibile sul mercato, il Milan ci sta provando da mesi. In estate sembrava ormai pronto il trasferimento con i rossoneri che però hanno preferito concentrare tutte le loro energie su De Ketelaere, ma Maldini e soci non hanno perso le speranze e non è da escludere un nuovo tentativo dopo la fine del Mondiale.

Tags:

Leggi anche:

Caricamento contenuti...