,,
Virgilio Sport SPORT

MotoGp: Valentino Rossi deluso, scintille tra Mir e Miller

Grande gioia invece per Quartararo, vincitore a Doha: "È una bella responsabilità prendere il posto di Valentino e ora mi godo questo bel momento".

Altra delusione per Valentino Rossi. Il 9 volte campione del mondo, dopo essere partito dalla 21esima posizione, ha chiuso 16° a Doha. Il Dottore adesso guarda avanti ma è conscio della situazione tutt’altro che semplice: “È tosta, c’è da lavorare e da migliorare. Nelle prossime gare ci proveremo: speriamo di fare un campionato completo e che il Covid-19 non dia fastidio”.

Nonostante l’ultima fila, Rossi puntava in alto: “Dopo il warm-up di stamattina ho girato bene con le hard, mi hanno tolto il giro sennò sarei stato 10°, e quindi mi aspettavo di arrivare intorno ai primi 10. Tutti vanno forte. Il mio passo non è stato male, ma soprattutto all’inizio ho perso tanto tempo. Purtroppo non è stato abbastanza e non ho preso punti. Gara difficile, ho sofferto un po’ il grip al posteriore. Sono stato più veloce del Qatar1, ma non è stato abbastanza”.

Due gare da dimenticare in Qatar, ma non è tutto da buttare per Valentino Rossi: “Oggi abbiamo provato delle configurazioni di elettronica che era da tanto che non usavo e mi sono trovato meglio, ci hanno permesso di avere un passo migliore. Questo weekend ho fatto proprio tanta fatica fino a sabato. Bisogna cercare di partire meglio ed essere davanti fin da subito. Purtroppo abbiamo trovato la giusta direzione solo stamattina e partivamo ultimi. In 10 secondi sei 15esimo, quindi non è facile recuperare posizioni”.

Sorride invece il vincitore Quartararo: “Ho sempre sognato di vincere in Qatar. È una bella responsabilità prendere il posto di Valentino e ora mi godo questo bel momento”, e il leader della classifica generale Zarco, 2° a Doha: “Ogni gara posso puntare al podio”. Scintille invece tra il campione in carica Joan Mir e il pilota della Ducati Jack Miller, dopo un contatto in gara che fortunatamente si è concluso senza cadute. 

Mir non ci sta: “Ha fatto una manovra pericolosissima e intenzionale. In MotoGP queste azioni sono oltre i limiti. Bisogna indagare, perché se l’ha fatto apposta merita una penalità, altrimenti no. Ma ripeto: secondo me è stato un contatto del tutto intenzionale. Io rispetto i miei rivali, lui in questa occasione non l’ha fatto. È successa una cosa simile con Aleix Espargaro e lui si è allargato per non venire al contatto; è così che si fa, ci si rispetta”.

Miller ribatte: “Sembrava che ogni volta che mi stava dietro cercava di colpirmi – tuona l’australiano. Io mi sono trovato largo e ho protetto la traiettoria e c’è stato il contatto. Ho cercato di concentrarmi sulla mia gara e dopo l’ultimo carenata ho ripreso ritmo. Non è stata una vendetta, ho protetto la traiettoria, lui è andato lungo così come Rins e io sono rimasto nella mia posizione, tutto qua. Sono cose che capitano in gara”.

OMNISPORT | 04-04-2021 23:30

Tags:

Leggi anche:

,,,,,,,,,,,,,,,,
Caricamento contenuti...