SPORT
  1. Home
  2. CALCIO

Mughini fuori dal coro: Koulibaly? Non è razzismo

L'opinionista di Tiki Taka dice la sua sui cori a Koulibaly

Non accenna a placarsi l’ondata di polemiche che sono seguite alla partita fra Inter e Napoli. Due giornate per Insigne e Koulibaly, ma soprattutto per l’intero stadio Meazza (una in più per la curva degli ultras nerazzurri) che hanno diviso l’opinione pubblica fra chi si dice d’accordo e chi invece pensa che non debbano pagare tutti i tifosi solo per colpa di qualcuno. Fra questi c’è Giampiero Mughini, che ospite della trasmissione di Italia 1 Tiki Taka alla domanda del conduttore Pierluigi Pardo ha risposto distaccandosi dai pareri in studio.

Ecco le se parole: “Ogni volta che succedono questi fatti sento ripetere sempre le stesse cose, sono quarant’anni che le parole non cambiano e tutto rimane uguale. La norma sulla responsabilità oggettiva io la trovo idiota, una porcata. Non capisco perché la gran parte della persone che si accalorano non possano andare allo stadio per colpa di delinquenti professionisti, di cui fa specie che la Questura non abbia le coordinate”. Anche sul caso degli ululati razzisti verso Kalidou Koulibaly la voce di Mughini è fuori dal coro: “Quello che è accaduto sugli spalti del Meazza è dovuto non a razzismo, ma a libidine conto un campione di una squadra avversa, la cui presenza rende meravigliosa la partita”. Per la cronaca la maggioranza degli ospiti presenti in studio, fra cui anche Wanda Nara (moglie e procuratrice del capitano interista Mauro Icardi) hanno condannato il comportamento della parte più calda del tifo nerazzurro schierandosi dalla parte del difensore partenopeo.

SPORTEVAI | 28-12-2018 09:59

Mughini fuori dal coro: Koulibaly? Non è razzismo Fonte: Facebook

SPORT TREND