Virgilio Sport

NBA, si vince anche in trasferta: colpo Mavs in casa Clippers, Siakam trascina i Pacers. Durant spalle al muro

Dallas passa in casa dei Clippers grazie a un 14-0 di parziale nel quarto periodo, Siakam trascina Indiana a Milwaukee. Suns, altro ko. pesante

Pubblicato:

Roberto Barbacci

Roberto Barbacci

Giornalista

Giornalista (pubblicista) sportivo a tutto campo, è il tuttologo di Virgilio Sport. Provate a chiedergli di boxe, di scherma, di volley o di curling: ve ne farà innamorare

C’è vita anche in trasferta, è il tappo lo fanno saltare Pacers e Mavs. Che vincono le rispettive gare 2 passando a Milwaukee e in casa dei Clippers, dove non basta il rientro di Kawhi Leonard per spedire in acque sicure la compagine di Ty Lue. Chi invece continua solo a vincere è Minnesota, che scappa sul 2-0 contro Phoenix mettendo spalle al muro Durant e compagni. Non accadeva da 20 anni ai Wolves di aprire una serie sul 2-0: qualcosa vorrà pur dire.

Minnesota difende forte: Durant è sempre più accerchiato

Minnesota vince tenendo ancora una volta i Suns sotto quota 100 (finisce 105 a 93). Questo perché in difesa le maglie sono belle strette, e la differenza si vede: pur senza Edwards e Towns sugli scudi, col primo che tira male e il secondo gravato di problemi di falli, ci pensa Jaden McDaniels con 25 punti a farsi carico del quantitativo necessario per mettere le cose a posto e consegnare ai Wolves il secondo punto nella serie.

I tenori di Phoenix invece deludono: Durant non trova mai ritmo, chiudendo a 18 punti, e peggio fanno Booker (20 punti, ma tanti errori) e Beal, anche loro piuttosto litigiosi col ferro. L’infortunio di Grayson Allen complica ulteriormente le cose: per Phoenix butta proprio male.

Siakam, un alieno a Minneapolis: Lillard non basta

A Milwaukee non c’è ancora Giannis in campo, e stavolta non basta un Lillard da 34 punti per avere la meglio su quella macchina offensiva che risponde al nome di Indiana. Dove Pascal Siakam è davvero entrato in modalità playoff: segna 37 punti (dopo i 36 di gara 1) ma stavolta bastano e avanzano per consegnare ai Pacers la prima vittoria nella serie, con l’attacco che segna 125 punti tornando alle medie di regular season.

Haliburton per una sera si rende utile più come uomo assist che come scorer (12 punti e 12 assist), ma i 20 punti di Turner aiutano alla causa. I Bucks senza Giannis dimostrano di essere un po’ zoppi: una serie come questa rischia di rivelarsi complessa se non riusciranno a giocare al massimo delle loro possibilità.

Torna Kawhi, ma stavolta l’ultima parola la dice Doncic

L’ultima gara della notte dice che tra Clippers e Mavs sarà una battaglia all’ultimo possesso. Intanto quello giusto in gara 2 l’azzecca Doncic, che con la tripla che vale il +9 a un minuto e mezzo dalla fine chiude sostanzialmente i conti di una partita che Dallas ha avuto sempre in mano, ma senza mai andare oltre un paio di possesso pieni di vantaggio.

Luka Magic dice 32, alzando i giri del motore quando necessario e mostrandosi il leader che è, con Irving che ne firma 23 cavalcando il 14-0 di parziale che nel quarto periodo spezza in due l’equilibrio.

Nel giorno del rientro di Kawhi Leonard (15 punti), i Clippers steccano dall’arco: appena 8 triple mandate a bersaglio sulle 30 tentate, troppo poco per pensare di vincere una partita che li obbligherà ora ad andare a prendersi una rivincita in Texas, auspicando in serate con percentuali dal campo migliori.

Tags:

Leggi anche:

Club Med

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Etichette per la tua azienda?

Caricamento contenuti...