Virgilio Sport

Nuoto, la federazione internazionale contro gli atleti transgender

L'atletica potrebbe seguire il nuoto modificando le linee guida per l'eleggibilità delle donne transgender, dato che Sebastian Coe ha appoggiato la nuova posizione della FINA.

Pubblicato:

Nuoto, la federazione internazionale contro gli atleti transgender Fonte: Getty Images

Il presidente dell’atletica mondiale Sebastian Coe ha dichiarato che l’organo di governo mondiale del nuoto ha agito nel suo “miglior interesse” varando misure che prevedono il divieto per le donne transgender di gareggiare contro le atlete femminili.

La FINA [Federation Internationale de Natation] ha annunciato domenica che vieterà a tutte le donne transgender che hanno sperimentato un qualsiasi stadio di pubertà maschile di gareggiare negli eventi femminili.

La decisione ha segnato un netto cambiamento nella politica di uno sport importante ed è stata accolta con favore dagli attivisti di lunga data, tra cui l’ex nuotatrice olimpica britannica Sharron Davies.

È stato chiesto ad altri sport di seguire l’esempio del nuoto e di abbandonare le politiche di eleggibilità basate sui limiti di testosterone; tuttavia, i gruppi di difesa LGBT hanno fortemente criticato la mossa della FINA.

Il gruppo Athlete Ally, con sede negli Stati Uniti, ha dichiarato che le restrizioni della FINA sono “discriminatorie, dannose, non scientifiche e non in linea con i principi del CIO [Comitato Olimpico Internazionale] del 2021″.

L’autorità del nuoto ha dichiarato che il regolamento è stato votato con una maggioranza del 71,5% dopo che i membri della commissione FINA hanno ascoltato un gruppo di atleti, un gruppo scientifico e medico e un gruppo legale e per i diritti umani.

L’atletica leggera non si è ancora impegnata in una politica simile, ma l’indicazione di Coe di sostenere la posizione della FINA fa pensare a una linea precisa da seguire per il futuro.

Parlando a BBC Sport, Coe ha dichiarato: “Vediamo una federazione internazionale che afferma la propria supremazia nel definire norme, regolamenti e politiche nell’interesse del proprio sport. È giusto che sia così. Abbiamo sempre creduto che la biologia prevalga sul genere e continueremo a rivedere i nostri regolamenti in linea con questo principio. Seguiremo la scienza. Continuiamo a studiare, ricercare e contribuire al crescente numero di prove che il testosterone è un fattore determinante per le prestazioni, e abbiamo programmato una discussione sui nostri regolamenti con il nostro consiglio alla fine dell’anno”.

Leggi anche:

Falkensteiner Hotel & Spa Falkensteinerhof

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Farmacia Eredi Marino Dr. Giovanni

Caricamento contenuti...