Virgilio Sport

Ronaldinho rompe il silenzio sul carcere: "Foto e autografi"

L'ex campione di Barcellona e Milan è finito in prigione a causa di una vicenda legata a presunti documenti falsi

27-04-2020 18:00

Ronaldinho rompe il silenzio sul carcere: "Foto e autografi" Fonte: ANSA

“Ho tanta fede, e spero che a breve la nostra posizione possa essere chiarita e di poter uscire da questa situazione. La prima cosa che farò sarà dare un bacio a mia madre che, dall’inizio di questa pandemia del Covid-19, sta vivendo giorni difficili”. Parole dense di ansia, aspettative a paura quelle pronunciate da Ronaldinho intervistato dal quotidiano paraguayano ABC Color e riportate dall’agenzia ANSA.

Ronaldinho e gli arresti domiciliari in hotel di lusso

Agli arresti domiciliari in un albergo di lusso, nel pieno dell’esplosione pandemica, Ronaldinho ha ribadito la sua innocenza e di essere andato in Paraguay “per due eventi promozionali – spiega -, il lancio di un casinò online e quello di un libro. Questi accordi li aveva presi mio fratello (arrestato con lui n.d.r.), che è anche il mio agente”.

“Ho cercato di regalare sorrisi”: le parole di Ronaldinho

“Per tutta la vita ho cercato di regalare il sorriso alla gente – ha detto il campione ex Barcellona e Milan – e di arrivare al livello più alto nel calcio, e non avrei mai pensato di ritrovarmi in una situazione del genere: è stata dura. Sono rimasto molto sorpreso quando mi hanno detto che i miei documenti erano falsi, e da quando è successo non abbiamo fatto altro che collaborare con gli inquirenti”.

Ronaldinho e i giorni in prigione: “Tutti volevano giocare a calcio”

In carcere, ha ricevuto affetto e calore dai parte dei reclusi. “Tutti volevano giocare a calcio con me – ha raccontato nell’intervista -, o farsi fare un autografo o una foto. Io mi sono prestato volentieri, non avrei avuto motivo per comportarmi diversamente, ancor di più con gente che stava vivendo momenti difficili come il mio”.

VIRGILIO SPORT

Leggi anche:

Caricamento contenuti...