,,
Virgilio Sport SPORT

Ucciso con la compagna a coltellate l'arbitro Daniele De Santis

Tragedia nella serata di lunedì a Lecce: l'arbitro della sezione salentina e la sua fidanzata, Eleonora Manta sono stati assassinati

Sono le 21 circa, quando delle urla si avvertono in un condominio poco distante dalla stazione di Lecce. C’è chi riferisce di un uomo che si sarebbe allontanato, in fuga con un coltello, poco dopo queste strazianti richieste di aiuto sentite dai vicini, poi intervenuti in soccorso delle vittime. Ma ciò si apprenderà più tardi, nel corso delle ore successive.

Secondo la ricostruzione effettuata dall’agenzia ANSA, infatti, Daniele De Santis e la sua compagna sono stati rinvenuti sulle scale, in un palazzo che dovrebbe essere quello in cui risiedeva l’uomo, un ragazzo di 33 anni assai noto nell’ambiente calcistico e a Lecce. De Santis è spirato lì, sulle scale del suo stabile, insieme alla sua fidanzata, Eleonora Manta, 30 anni, vittima di un’aggressione che non ha lasciato scampo ad entrambi.

Sul posto si è recato il procuratore capo Leonardo Leone De Castris per gli accertamenti inevitabili, dopo il duplice delitto. Dalle prime, esigue informazioni ribattute dall’ANSA, le due vittime sono state raggiunte da numerosi fendenti.

Vestito di nero, con uno zainetto giallo, fuggito a piedi con un coltello in mano: questa è la descrizione che un testimone avrebbe fornito ai Carabinieri di Lecce, di una persona che si sarebbe allontanata frettolosamente dal condominio dove è avvenuto il duplice omicidio e riportata dall’ANSA. Per tutta la notte gli investigatori del Comando provinciale dei Carabinieri hanno interrogato amici della coppia e i residenti della palazzina, dove i due giovani abitavano. Alle ricerche hanno partecipato anche le Volanti della Questura. Al vaglio degli investigatori anche i filmanti delle telecamere di videosorveglianza della zona, pubbliche e private, che potrebbero aver ripreso la fuga del presunto aggressore.

E’ stata convocata, intanto, in Procura una riunione con il procuratore Leonardo Leone De Castris e il pm di turno Maria Consolata Moschettini, nel corso della quale dovrebbe essere conferito al medico legale Alberto Tortorella l’incarico di eseguire le autopsie. Nella mattinata di martedì, il Ris di Lecce ha effettuato un ulteriore sopralluogo.

Chi era Daniele De Santis

Molto conosciuto nella zona, De Santis aveva all’attivo più di 130 partite arbitrate, tra cui un Pisa-Benevento nella veste di quarto uomo nel 2017, in Serie B. Nella stagione appena trascorsa l’arbitro ha diretto ben 18 partite di Serie C. La Lega Pro ha deciso di diffondere un messaggio su questa immane tragedia che ha colpito le famiglie dei due ragazzi, l’AIA e la comunità salentina. La Lega Pro ha commentato il caso: “Nessuna parola riesce a descrivere il dolore della Lega Pro, dei suoi vertici, dei club, dei giocatori e del nostro calcio per la prematura scomparsa dell’arbitro Daniele De Santis e della compagna Eleonora”, Francesco Ghirelli si unisce con i vicepresidenti della Lega Pro Cristiana Capotondi e Jacopo Tognon, il segretario generale Emanuele Paolucci e il direttivo di Lega Pro al cordoglio della famiglia De Santis e della famiglia della compagna di Daniele, dell’AIA e della CAN C. “Lo vogliamo ricordare con il sorriso di quando era in campo e per la sua grande passione per la Serie C, che considerava una famiglia. La violenza distrugge, la violenza ha strappato due giovani vite che nutrivano sogni e aspettative. La violenza è il nemico numero 1 da contrastare in ogni sua forma”.

VIRGILIO SPORT | 22-09-2020 16:00

Tags:

Leggi anche:

,,,,,,,,,,,,,,,,
Caricamento contenuti...